For Pope Francis the world is always in movement: 5 traits of his pontificate

Pope Francis touches wall in Bethlehem

— A pontificate of discernment and «incomplete thought»
— A pontificate of tension between spirit and institution
— A pontificate of frontier and challenges
— A pontificate for a Church, «field hospital»
— A pontificate of geopolitical impact

 1. A pontificate of discernment and «incomplete thought»

For Pope Francis the world is always in movement: the ordinary perspective, with its metrics of judgment to classify what is important and what is not, doesn’t work.

Being men and women of discernment means for the Pope being men and women of «incomplete thought», of «open thought».

That means that he does not seem to have a «project», that is a theoretical and abstract plan to apply to history.

He doesn’t have a road map written a priori, that refers to ideas or concepts. He always refers to «times, places, people», as St. Ignatius of Loyola requires, and therefore not ideological abstractions.  That interior vision does not impose itself on history, seeking to organize it according to its own coordinates, but it dialogs with reality, it sets itself into the history of men and women, it unfolds in time.

This «open» vision gives substance to that which he intends by «reform», that has fire in the heart and not in the structures.

At times    the Pope opens discourses without however closing them right away or drawing hasty conclusions, thus leaving space to dialogue and debate, even among those who have high ecclesial responsibilities (cfr Evangelii gaudium [EG], n. 32, on the conversion of the papacy,  n. 51 on the discipline of the sacraments,  n. 104 on the role of women).

In this journey Pope Francis does not believe that we must expect from his magisterium «a definitive or complete word on every question which affects the church and the world» (EG 16).  In fact «neither the Pope nor the Church have a monopoly on the interpretation of social realities or the proposal of solutions to contemporary problems» (EG 184).  Then «in her dialogue with the State and with society, the Church does not have solutions for every particular issue» (EG 241).

2. A pontificate of tension between spirit and institution

Pope Francis writes in Evangelii gaudium: «The Church has to accept this unruly freedom of the Word, which accomplishes what it wills in ways that surpass our calculations and ways of thinking» (EG 22).

A dialectical tension always exists in the discourse that Pope Francis makes between spirit and institution: the one never negates the other, but the first must animate the second in an effective manner.

Then, further along, he affirms that the Church is «a people of pilgrims and evangelizers, transcending any institutional expression, however necessary» (EG 111).

It is interesting to note this fruitful tension further: that between the Church as «pilgrim people» and the Church as «institution», that reflects the two definitions of Church highly preferred by Pope Francis: «faithful people of God in journey» (Lumen gentium) and «holy mother hierarchical Church» (Ignatius of Loyola).

This tension animates Francis’ reflection with regard to that which he has called the «conversion of the papacy» (EG 32).

3. A pontificate of frontier and challenges

Encountering the Jesuits of La Civiltà Cattolica Pope Francis recommended inhabiting the frontiers: «you must go towards the frontiers and not carry the frontiers home to paint them a bit or to domesticate them». Our task, therefore, is that of «accompanying […] the culture and social processes, and those who are living difficult transitions, even taking charge of conflicts».

We see reality better from the periphery than from the center.  Here’s the reason for his circumnavigation to the borders of the world and of human life.  He is seeking for the «soul».  And the soul is not only the «center», but the pulsing and living «heart».

Francis is like a doctor who seeks to understand if the heart functions, observing if and how the blood flows everywhere, and also investigating the peripheral circulation.

His most radical question is: how do we proclaim the Gospel to everyone, whatever is    his or her   existential condition? This is what really matters.

4. A pontificate for a Church, «field hospital»

At the heart of my discussion with Pope Francis an image emerged: that of the Church as a ‘field hospital after a battle’. It is a very potent image, which also contains within it the dramatic perception of a world living in warlike conditions with people who are dying and people who are injuried.

The weakness of the human condition is the starting point for the mission that must    above all   consider to whom the message of salvation should be addressed. If the Church has    before it    a wounded man who needs salvation, it cannot and must not proceed to measure his cholesterol or glycaemia, It has to save his life, it has to bring him or her the message of salvation.

This is why in my interview the Pope states explicitly: ‘We cannot dwell only on issues related to abortion, gay marriage and the use of contraceptive methods.’

I have always found myself thinking about an event in Pope Francis’s life which I have always connected with the attitude of ‘cure’, not least in the medical sense, which he frequently expresses: the fact that before entering the seminary Bergoglio fell seriously ill at the age of 21. He suffered a near-fatal lung infection. In a moment of high fever he embraced his mother, saying desperately: ‘Tell me what’s happening to me!’. I think that in some way this marked the great and profound human and spiritual sensitivity of Pope Francis.

One question that the Pope asked vibrantly during our conversation was: ‘How are we treating the people of God?’ It’s a central question, one that he poses every day, even before worrying about structures.

And the word ‘treat’ should perhaps be read in the sense of ‘cure’ in the context of a ‘field hospital’.

This is being…. “merciful”. Mercy means Healing.

5. A pontificate that has a geopolitical impact

Mercy can even have cultural and political value.  It is no coincidence that there are many people who judge Francis also as a prophetic spirit who affects politics.

What does mercy mean as a political category?

In an extreme synthesis, we can say: don’t ever consider anything or anyone as definitively «lost» in relationships among nations, peoples and states.  This is the core of its political meaning. On this Francis wrote: «It is desireable that even the language of politics and diplomacy let’s us be inspired by mercy, that never gives up anything as lost».

Precisely this fluidity is the reason that makes us understand why Pope Francis never espouses rigid intérpretive mechanisms to address international situations and crises.

The Holy See has established or wants to establish direct and fluid relationships with the super powers, without wanting to enter into pre-established networks of alliance and influence.

Essentially, the position wanted by the Pope consists in not giving wrongs and reasons, because at the root, however, there is a struggle for power of supremacy.

There is therefore no imagining a deployment for moral reasons. But the necessity to see the picture by a different optic is required. And this is why is so important his agility in building bridges between lands and distant positions (China, Russia, Iran,…)

All this puts into motion unpredictable logic, precisely of a polyhedric and multipolar vision.

… And now again we got back here at the very beginning: Francis is a pope who is living his ministry as a ministry of discernment, of «incomplete thought»…

Digital diplomacy, Social Networks and the Holy See. Interview with Ambassador Nigel Baker

Digital_Diplomacy___Flickr_-_Photo_Sharing_The Social Media Week, an international event dedicated to web, technology, innovation and social media, is underway. A week of encounters and experiences which, from 22 to 26 September, take place simultaneously in 11 cities in the world: London, Berlin, Johannesburg, Los Angeles, Sao Paulo, Sydney, Mumbai, Miami, Rotterdam, Chicago and Rome. A global and a local event, then. The theme is fascinating: Re-imagining human connectivity. At the same time, the Foreign & Commonwealth Office in London is organising a week of events around its global network, as part of a wider programme building the capability of its staff in using digital in communications, service delivery and policy-making.
Furthermore, from 22 to 24 September, the Committee for a reform of Vatican media will be meeting. The commission, which includes also members who are not internal to the Vatican itself , is drawing up a planning and a work method.
In this framework of events, I asked the British Ambassador to the Holy See Nigel Baker some questions, knowing his attention to digital diplomacy.

When and why the British Embassy to the Holy See has decided to establish a significant presence on social media? How did you came up with the idea, and what exactly this presence is made of?

As British Ambassador in Bolivia (2007-11) I had already seen the potential of social media. I had a blog in English and Spanish, mainly aimed at a Bolivian audience but which had readers from right around the world. I realised then that for an embassy with limited resources, social media was an excellent way of getting our messages out to a wider audience, as well as hearing what that interested audience had to say, and responding to it.

Isn’t some discretion linked to diplomatic work? How do you match digital communication and discretion?

Although discretion is still very much a part of any diplomat’s life and work, we must also be communicators, and ensure that what we do is relevant to the changing, dynamic world around us. For example, the British public, which pays for the embassy through its taxes, has a right to know what the British Embassy to the Holy See is doing on its behalf. What I realized in Rome, from the outset, was that there was a real challenge in demonstrating that this was an embassy not just focused on the internal business of the Vatican, but accredited and engaged with the most extensive global network in the world; the Holy See network.

Social media certainly does not respect national boundaries…

Certainly not, it is the tool par excellence of the networked world, is therefore an ideal instrument for communicating with the Holy See globally, breaking down the hierarchies and mystique that unnecessarily surround the Holy See, and setting out our stall on the many issues with which Her Majesty’s Government is concerned in its dealing with the Holy See: from international development to the death penalty, the situation in the Middle East to our mutual concerns in Africa. My colleague in Beirut, Ambassador Tom Fletcher, sets it out very well in his own digital blog, The Naked Diplomat.

Has feedback from the public been positive so far? What did you learn from the replies received?

My initial conviction has certainly been confirmed by the response. My blog, carried on Foreign Office and commercial platforms, is I know read by many people in the Vatican and beyond. We have readers from the Philippines and Australia, India and the United States, as well as the United Kingdom; not an audience I could otherwise have reached. Since 2011, we have worked to make our Twitter account live, dynamic and interesting, and have used it to run a number of events from Q&A sessions to competitions – more than 6,300 followers suggest that it is working.

You talk about texts and readers, what about images? Aren’t they more powerful than a thousand words?

Image is vital to people’s understanding of the Holy See, and so both Twitter and Flickr are wonderful tools for visual communication.

I imagine the digtial platforms are helping you to develop your network of contacts…

We use LinkedIn both as a platform for the blog, as well as for developing a wider range of contacts. None of this is particularly revolutionary, and I have noticed that more embassies to the Holy See have started to follow our lead. It requires some effort, and resource, but I think is well worth it. My whole embassy team is involved.

Nowadays, we start to talk about Digital Diplomacy or eDiplomacy. The Foreign and Commonwealth Office has a strategy in this respect, and defines it as “solving foreign policy problems using the internet”. Could you please tell us a little bit more about this concept?

Some examples, if I may, The Foreign Office (FCO) keeps British nationals informed of essential travel advice updates and crisis information across all its digital channels – monitoring those channels, especially in crisis situations where social media allows us proactively provide those affected with real-time information, and responding to major queries. Ambassadors use social media to explain their work, to extend UK influence and to set the record straight when necessary. The FCO uses digital channels to help reinforce the objectives of major conferences, events and visits, for example carrying out extensive engagement with the Somali Diaspora in the run-up to a Somalia conference hosted by the UK, or the extensive digital engagement around the world during the recent conference on Ending Sexual Violence in Conflict. We have moved our human rights reporting online, allowing us to move to more frequent reporting and to invite comments from the public. The FCO funds projects to promote internet freedom. And last year we hosted a major conference to push forward international work on the future of cyberspace.

An intense activity, which we could define as a wide involvement of people at various levels, from interested citizens to experts…

Indeed. Internet gives us increasing access to people affected – directly and indirectly – by key international issues, and those who are influential in key debates. By listening and engaging with them we get a better understanding of what the issues are and how we can help solve them. We can also involve people more directly in our policy work, for example by crowdsourcing feedback on our Human Rights report. We can reach out to local subject experts via platforms like Twitter and LinkedIn to get a more nuanced view of how (say) trade, energy or social issues impact people differently in different countries. And as I have already mentioned, we can also use the internet to communicate our policy work better so that people can understand why we are doing what we do and how it is helping to deal with those issues. For me, the main question to be asked by any foreign service should not be: do we need to be digital? It should be: can we afford not to be in the digital space? For the UK, the answer is a resounding no.

What are the main advantages you could experience? Did you notice also problems or aspects to improve?

I think the main advantages include access to people with whom traditionally diplomats have not had contact (which can also be a challenge, because inevitably digital engagement means we expose ourselves to a wider world than the once closed “corridors of power”). It gives us a more nuanced understanding of the places, people and issues we are dealing with. An ability to target our messages more accurately, and therefore convey information in more appropriate ways to different audiences. Communication is now a two-way street: we listen as well as we talk, and this helps us to test policy ideas quickly and easily with wide variety of groups. An ability to respond more rapidly to changing events – particularly in a crisis. Again, something that can also be a challenge.

I suppose that listening has an impact on the services offered by your Government. Listening means paying attention to real requirements…

By listening, we can give British Nationals better access to services and transactions delivered by government. This is especially helpful when they are abroad. And it also means we can also use our extensive global network of embassies and other missions in a genuinely universal way. For example, when our team in London working on the death penalty wishes to get a message out to multiple audiences, they know that my embassy is plugging in to a broad, largely Catholic audience. At the same time, they can reach, through our other missions and their digital followers, completely different publics elsewhere. Perhaps for the first time, in this way, diplomacy – if digital is used well – becomes truly global.

I reckon it wasn’t easy to learn a new language, to inhabit the digital environment…

The challenges are real. The FCO is a massive organisation and this is a fast moving and evolving landscape so there will always be areas to improve. It has not always been easy to adapt to a new and more open way of talking about what we do, learning a new language to suit the platforms we are using, understanding better how to engage with people rather than simply broadcast messages. What I learned about my profession when I became a diplomat in 1989 remains relevant, but digital requires also that we do things differently and need to develop new skills – the secrecy and exclusivity of the diplomatic bag no longer applies! We need to develop a distinctive voice on an internet crowded with opinions.

And you need to understand when it is time to write, and the time to remain silent…

Indeed, we need to understand when not to write. Once out, our opinions can never be erased.

The Holy See has also a strong digital footprint and the Holy Father has a presence on Twitter. How do you value this presence?

Pope Francis was very clear in Evangelii Gaudium. If the Church cannot communicate its message, it is moribund. Its raison d’etre is tied up with the Gospel, the Good News, and I emphasise here the “News”. It, too, has to operate across a global network of multiple languages, cultures, ideas and opinions. One of the key difficulties for the Holy See before digital was that, too often, its voice was being interpreted, filtered and sometimes mistranslated by others – the global media – which as intermediaries were often heard more clearly than the original information source. Engaging in digital allows the Holy See to get its voice across directly. For a diplomat accredited to the Holy See, getting the unfiltered message, quickly and succinctly, is invaluable also for us.

Which were your thoughts when Benedict XVI decided to have a presence on twitter?

I was therefore delighted to see the Holy See Twitter experiment begin, and it has clearly been a success. Critics have said that complex messages cannot be transmitted in 140 characters. I think Benedict XVI and now Pope Francis have proved those critics wrong. First of all, the message does not need to be over-complicated. The discipline of paring down what we want to say to its essence is a valuable one – who was it who said that Jesus would have been very at home with Twitter? Secondly, the reach is truly extraordinary. Several languages, millions of followers, and with every tweet re-tweeted the Pope can reach 60 million people in seconds. We were delighted when Pope Francis decided totweet his support for my government’s efforts to end sexual violence in conflict with a tweet that had huge impact with all those involved, from governments to human rights defenders. As a great teacher, Pope Benedict saw the need. As a great communicator, Pope Francis has taken it to another dimension. That will surely continue. There is no going back.

Antonio Spadaro

Un tweet storico. Monsignor Celli spiega www.news.va

articolo di Mario Ponzi. Tratto da L’Osservatore Romano del 29 giugno 2011

Dear friends, I have just launched http://www.news.va . Praised be Our Lord Jesus Christ. With my prayers and blessing. Benedictus XVI (“Cari amici, ho appena lanciato http://www.news.va . Sia lodato Nostro Signore Signore Gesù Cristo. Con le mie preghiere e benedizioni. Benedetto XVI”). È il testo del primo tweet in assoluto di un Pontefice. Il tweet è uno di quei brevi messaggi che i frequentatori della rete si scambiano quotidianamente attraverso i social network – twitter in questo caso – nell’era digitale. Nel lanciare martedì pomeriggio, 28 giugno, nei vespri della solennità dei santi Pietro e Paolo, il nuovo portale della Santa Sede news.va

Benedetto XVI ha anche accolto la proposta di rivolgere la sua benedizione al popolo della rete. L’idea è stata dell’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali: “ma devo dire – ci ha confidato – che il Papa ha accettato immediatamente e di buon grado. Del resto, tiene moltissimo alla comunicazione e soprattutto tiene a che la Chiesa sia presente là dove l’uomo vive e si incontra”. Quando ieri, durante la presentazione del nuovo portale nella Sala Stampa della Santa Sede, l’arcivescovo ha dato la notizia che sarebbe stato il Papa personalmente a lanciarlo, è stato anche ricordato quel lontano 12 febbraio 1931, giorno in cui Pio XI, inaugurando la Radio Vaticana, pronunciò in latino dai suoi microfoni il primo radiomessaggio: “Udite o cieli, quello che sto per dire; ascolti la terra le parole della mia bocca. Udite e ascoltate o popoli lontani”. Da allora sono trascorsi più di ottant’anni e di strada ne è stata percorsa tanta, soprattutto in campo tecnologico. Sono cambiati i tempi, ma certamente non è cambiato l’annuncio. Ne abbiamo parlato con l’arcivescovo Celli in questa Leggi tutto “Un tweet storico. Monsignor Celli spiega www.news.va”

Le mie riflessioni sul Vatican Bloggers Meeting (a distanza di un mese)

Riporto qui integralmente il mio articolo apparso su La Civiltà Cattolica (2011 II 492-500). E’ una riflessione ampia che (oltre a descrivere la natura del blog e l’evento stesso) cerca di mettere in luce il significato dell’evento e le prospettive a un mese di distanza dal suo svolgimento. Oltre ad affermare un interesse per le «culture emergenti», l’evento ha auspicato un giornalismo con un valore aggiunto che vada al di là della produzione di notizie, ma che debba, in qualche modo, comprendere l’approfondimento, la riflessione e l’interpretazione narrativa della realtà condivisa all’interno di reti sociali.

Il 2 maggio scorso, il giorno dopo la beatificazione di Giovanni Paolo II, si è svolto in Vaticano il Vatican Bloggers Meeting, un incontro tra persone che operano in Rete scrivendo regolarmente in un blog. L’evento, organizzato dai Pontifici Consigli della Cultura e delle Comunicazioni Sociali, mirava a favorire un dialogo tra bloggers e rappresentanti ecclesiali per meglio comprendere le esigenze di questa particolare comunità, ascoltare il loro punto di vista e anche immaginare il loro ruolo nella vita della Chiesa. Ma che cosa sono i blog? Chi sono i bloggers? Perché questo incontro? Quali effetti ha avuto? Quali le prospettive?

Che cosa sono i blog?

Non è facile definire che cosa sia un blog. È infatti un sistema di pubblicazione on line che sfugge a classificazioni troppo rigide e va oltre le tecnologie da cui ha origine. Il termine blog di per sé non significa nulla. Esso è frutto della contrazione delle parole inglesi web e log: web, che significa «ragnatela» e sta per Rete, e log, che significa «diario» o anche «giornale di bordo»: la traduzione italiana di blog dunque potrebbe essere «diario in Rete». Questa è, in effetti, la definizione più semplice: uno spazio virtuale, autonomamente gestito, che consente di pubblicare una sorta di diario o, più in generale, contenuti di qualunque tipo che appaiono in ordine cronologico, dal più recente fino al più vecchio, e conservati in un archivio sempre consultabile. I contenuti possono essere arricchiti da collegamenti ad altri blog e ad altri siti all’interno di una fitta ragnatela di connessioni reciproche. Man mano che i nuovi materiali vengono inseriti, quelli più datati si posizionano più in basso fino a confluire nell’archivio settimanale, mensile o annuale.

Sin dal suo inizio, nel 1997, questa forma di espressione ha rivestito una doppia funzione: mettere on-line storie personali, riflessioni dell’autore, pensieri in forma di almanacco, per i quali la cadenza quotidiana dell’aggiornamento riproduce i ritmi della vita ordinaria; realizzare una forma di comunicazione diffusa dal basso, senza filtri di carattere economico o spaziale, che dia informazione e soprattutto faccia opinione, in genere «alternativa» rispetto a quella dei media più ufficiali. È necessario aggiungere che ogni contenuto immesso può prevedere il commento da parte dei suoi lettori, i quali quindi possono interagire direttamente con chi lo ha scritto e con gli altri lettori.

La dimensione diaristica e quella giornalistica in qualche modo risultano fuse tra loro. Il blog infatti vive a metà strada tra Leggi tutto “Le mie riflessioni sul Vatican Bloggers Meeting (a distanza di un mese)”

Mons. Ravasi sul Vatican Bloggers Meeting: un «cortile dei gentili» in piena Rete

Riflessione di mons. Gianfranco Ravasi (L’Osservatore Romano, 22 maggio 2011).

Il 21 luglio di cento anni fa nasceva a Edmonton, capitale dello Stato canadese dell’Alberta e grosso centro agricolo, industriale e commerciale, Herbert Marshall McLuhan, il cui nome sarebbe divenuto una sorta di vessillo nell’orizzonte sempre più vasto della comunicazione di massa. Ben presto lo slogan «Il mezzo è il messaggio», ingiusta e un po’ banale semplificazione della sua ricerca, si sarebbe trasferito sulle labbra di tanti conferenzieri, e opere come appunto Il medium e il messaggio o La galassia Gutenberg o La città come aula scolastica sarebbero entrate in tutte le biblioteche, perché considerate un «aggiornamento» indispensabile. I suoi asserti, spesso incisivi, colpivano un’evoluzione sempre più accelerata della comunicazione secondo la quale «i modelli di eloquenza non sono più i classici, ma le agenzie pubblicitarie (…) con le quali la moderna Cappuccetto Rosso non avrebbe nulla in contrario a lasciarsi mangiare dal lupo», come scriveva nella sua raccolta di saggi sul «folclore dell’uomo industriale» La sposa meccanica (1955).

Ebbene, a distanza di pochi decenni, le sue pagine e le sue teorie, pur suggestive e sempre dotate di echi permanenti, rischiano di sembrare impolverate o di essere simili a voci che provengono da una remota e pur nobile età del ferro. Ad esempio, il ritratto del fenomeno televisivo e dei suoi eccessi che un grande regista come l’appena scomparso Sidney Lumet metteva in scena nel suo attraente Quinto potere (1976) — significativamente intitolato nell’originale americano Network — da allora ha visto ulteriori e sorprendenti scenari, capaci di stupire lo stesso McLuhan, oltre che Lumet, per non parlare dell’Orson Welles del celeberrimoQuarto potere (1941), l’archetipo di questo genere.

Il segno più rilevante di questo mutamento che un sociologo americano, John Barlow, ha comparato alla scoperta del fuoco, è nel fatto che per la civiltà contemporanea la comunicazione non è più uno strumento simile a una protesi dei nostri sensi come supponeva McLuhan, ma un «ambiente» totale, un’atmosfera globale che avvolge e penetra tutto e tutti.

Uno degli emblemi più significativi è certamente il blog, il fitto reticolo comunicativo che ormai ha avvolto l’intero nostro pianeta. È per questo che due dicasteri della Santa Sede, il Pontificio Consiglio della Cultura e il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, hanno deciso di proporre il 2 maggio scorso, a ridosso del grande evento della beatificazione di Giovanni Paolo II, un incontro tra i bloggers, possibilmente rappresentanti i 157 milioni di abitanti della blogsfera sparsi in tutto il mondo (nonostante «Wired Magazine», nel 2008, avesse annunciato la morte dei blog!).

Non si è trattato, quindi, di un incontro dei bloggers cattolici ma di tutti questi variopinti frequentatori delle pagine della rete, con il loro linguaggio speciale, colorito, soprattutto conciso, quasi ridotto a una sorta di codice. Essi, infatti, non amano i lunghi discorsi e le conferenze, ma i dibattiti on line in diretta, con il sistema del «botta e risposta», quasi come in uno scambio tennistico di impressioni, valutazioni, giudizi, a volte taglienti, comunque diretti e fulminei.

Un appuntamento organizzato attraverso una semplice e-mail, Leggi tutto “Mons. Ravasi sul Vatican Bloggers Meeting: un «cortile dei gentili» in piena Rete”

Il discorso del Papa agli astronauti: “guidate l’esplorazione, da parte dell’umanità, di nuovi spazi e di nuove possibilità”

Ecco la traduzione del discorso del Papa che si è rivolto nella tarda mattina di sabato 21 maggio agli astronauti della Stazione spaziale internazionale, con i quali si è collegato dalla Sala dei Foconi del Palazzo Apostolico. Preceduto da un’introduzione del Papa, lo storico colloquio si è articolato in cinque domande rivolte agli astronauti e nelle loro rispettive risposte.

Cari astronauti,

sono molto lieto di avere questa opportunità straordinaria di conversare con voi durante la vostra missione. Sono particolarmente riconoscente per il fatto di poter parlare a un gruppo così numeroso, visto che in questo momento sono presenti sulla Stazione Spaziale entrambi gli equipaggi.

L’umanità sta vivendo in un tempo di progresso estremamente rapido nel campo delle conoscenze scientifiche e delle applicazioni tecniche. In un certo senso, voi siete i nostri rappresentanti, guidate l’esplorazione, da parte dell’umanità, di nuovi spazi e di nuove possibilità per il nostro futuro, andando al di là dei limiti della nostra esistenza quotidiana.

Noi tutti ammiriamo davvero il vostro coraggio, così come la disciplina e l’impegno con cui vi siete preparati per questa missione. Siamo sicuri che siete ispirati da nobili ideali e che intendete mettere a disposizione di tutta l’umanità e del bene comune i risultati delle vostre ricerche e delle vostre imprese. Questa conversazione mi offre quindi l’opportunità di esprimere la mia personale ammirazione e il mio apprezzamento a voi e a tutti quelli che collaborano per rendere possibile la vostra missione, e di unire il mio caloroso incoraggiamento, affinché essa possa essere portata a termine con pieno successo.

Ma questa è una conversazione, non devo essere solo io a parlare Sono molto curioso di ascoltare da voi le vostre esperienze e le vostre riflessioni. Se non vi dispiace, vorrei rivolgervi alcune domande:

Dalla Stazione Spaziale voi avete una prospettiva molto diversa sulla Terra. Voi sorvolate Leggi tutto “Il discorso del Papa agli astronauti: “guidate l’esplorazione, da parte dell’umanità, di nuovi spazi e di nuove possibilità””

La mia introduzione al 2° panel del Vatican Meeting for Bloggers

Al Vatican Blog Meet “ho visto il futuro già presente”

di Fabio Colagrande @ L’Osservatore Romano, 6 maggio 2011

«La Chiesa ha qualcosa da imparare dai blogger», da quanti cioè comunicano attraverso la rete, a cominciare «dal loro modo di esprimersi libero e con un linguaggio attuale». Lo ha detto l’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, nell’intervista rilasciata al nostro giornale a margine del primo Blog Meet, un incontro dedicato ai blogger, cattolici e non, che, ideato dal Pontificio Consiglio della Cultura e organizzato insieme al dicastero delle Comunicazioni Sociali, si è svolto il 2 maggio scorso in Vaticano. «Noi invece — ha aggiunto il presule — ancora risentiamo delle difficoltà di un certo tipo di linguaggio ecclesiale che spesso le nuove generazioni fanno fatica a capire. I blog sono spazi di autenticità e allo stesso tempo di provocazione e ci aiutano a crescere, a guardarci attorno e a capire che per essere ascoltati dobbiamo usare linguaggi comprensibili». In questa intervista il bilancio dell’iniziativa appena conclusa, tracciato dall’arcivescovo Celli.

Qual è stato l’impatto dell’incontro con il mondo della blogosfera?

Molto positivo. È stato un incontro diverso dagli altri in cui si respirava un clima di attesa, ma anche di grande vivacità. In un certo senso ho visto il futuro già presente, mi è sembrato di vivere direttamente la dinamica dell’odierno mondo delle comunicazioni. È stato importante che due organismi della Santa Sede — il dicastero della cultura che l’ha ideato e noi che ci siamo associati — abbiano dato un segnale del loro interesse positivo per la blogosfera. Abbiamo dimostrato di riconoscere l’importanza di questa realtà comunicativa e di considerarne la valenza in campo sociale e culturale, nonché di guardare con molto interesse alle aperture della blogosfera nei confronti dei Leggi tutto “Al Vatican Blog Meet “ho visto il futuro già presente””

L’intervento di padre Lombardi al Vatican Meeting for Bloggers

(n.b.: si tratta di una trascrizione non rivista dall’autore)

Tre premesse

Ringrazio molto per essere stato invitato. Per me è un piacere essere con voi. Io non sono un grande frequentatore dei blog, ma quando sono entrato qui ho sentito fin dall’inizio un’atmosfera molto intensa di comunicazione personale. Come ha detto padre Spadaro, noi che faremo ora questa seconda serie di interventi siamo rappresentanti della comunicazione istituzionale, di istituzioni. Invece, in questa sala oggi si sente benissimo che si è in un gruppo, in una comunità di persone abituate ad esporsi molto personalmente nella comunicazione, in un certo senso a testimoniare, a dire quello che ognuno pensa, quello che ognuno è. E questo è anche per me molto piacevole ed influisce anche un poco sul tono di questa mia comunicazione con voi.

Una seconda breve premessa: all’inizio è stato detto chiaramente che questo non vuole essere un incontro di bloggers cattolici, ma vuole essere un incontro aperto, anche se sappiamo benissimo che una gran parte di voi naturalmente sono cattolici, membri della Chiesa, anche impegnati in essa. Voglio osservare che in questa stessa sala, nei giorni passati, la Radio Vaticana ha organizzato l’assemblea annuale delle radio del servizio pubblico (membri della Unione Europea di Radiodiffusione), non delle radio cattoliche. Quindi, per noi è naturale, anche come istituzioni vaticane, sentirsi inseriti in una realtà molto ampia, avendo anche la nostra identità, la nostra missione – se vogliamo -, ma con grande desiderio di un’apertura, di un dialogo rispettoso e aperto con tutti coloro che vogliono contribuire a mettersi in comunicazione.

La terza piccola premessa riguarda il Papa: credo che tutti voi, guardando a me, in un certo senso vi diciate: “Ecco una persona che ha a che fare con il Papa! Che cosa ci dice del Papa? Può portare al Papa il nostro saluto, il senso di quello che stiamo facendo qui?”. E allora mi sembrava doveroso ricordare che il Papa è una persona che, anche se non fa twitter in ogni momento, non ha un suo blog personale, però è estremamente attenta e intelligente e quindi capisce bene che cosa succede nel nostro mondo ed è molto desiderosa di aiutare e di partecipare.

Quando per la GMG di Sydney gli è stato detto: “Si possono mandare degli sms con parole del Papa, ogni giorno, ai giovani che partecipano?”, io ho trasmesso questa proposta e lui è stato immediatamente disponibile. Quando gli abbiamo proposto di aprire un canale vaticano su You Tube – quindi la notizia sarebbe stata: “Il Papa su You Tube”! – lui ha capito ed è stato immediatamente disponibile. Quando Rosario Carello – che è uno di voi – gli ha chiesto di rispondere in televisione alle domande su Gesù, il Venerdì Santo, è stato immediatamente disponibile, più di quanto io mi aspettassi. Poi c’è stato il libro-intervista con Seewald – che è già stato ricordato anche qui – e si potrebbe parlare ancora di tutta la sua disponibilità. Questa mattina ho avuto un incontro di tipo tecnico-organizzativo con dei responsabili di quello che dovrebbe essere il collegamento con la Stazione spaziale che ruota intorno alla terra, che è previsto nei prossimi giorni, sempre che lo Shuttle riesca a partire per le buone condizioni del tempo e per il superamento degli inconvenienti tecnici. E quindi il Papa si è subito detto disponibile per il colloquio con gli astronauti, sempre che la missione si sviluppi bene nei prossimi giorni. E lo stiamo preparando. Ecco: questo è il Papa; è disponibilissimo, è aperto ad ogni possibilità di comunicazione che gli venga offerta.

Due riflessioni e un consiglio

Da parte mia, cosa dire ora per questo incontro? Ci sono soprattutto due considerazioni per cui mi dico: “I bloggers probabilmente sono molto importanti per la Chiesa e per la società”.

La prima è quella dell’opinione pubblica nella Chiesa. Non so se voi avete una certa conoscenza del Magistero della Chiesa sulle comunicazioni sociali, ma nel documento conciliare (Inter mirifica, nn. 8 e 14), e più ancora nella “Communio et progressio” – che è l’Istruzione per l’applicazione del documento conciliare sui media -, si parla abbastanza ampiamente del fatto che anche nella Chiesa ci deve essere un’opinione pubblica (nn.117-127: “La pubblica opinione e la mutua comunicazione nella vita della Chiesa”). E il Magistero si deve sviluppare anche in dialogo con questa opinione pubblica dei fedeli nella Chiesa. Non vuol dire che il Magistero perda la sua funzione di guida, ma che c’è anche un formarsi di un’opinione tra i fedeli che aiuta il formarsi del pensiero della Chiesa, in particolare nel dialogo con il mondo di oggi.

Questo tema dell’opinione pubblica nella Chiesa – che è da approfondire e sviluppare – non è stato forse tanto sviluppato negli ultimi decenni. E io credo che la realtà dei blog sia un elemento che può entrare dinamicamente nello sviluppo di questa dimensione. Quindi c’è una Leggi tutto “L’intervento di padre Lombardi al Vatican Meeting for Bloggers”

Risposta ad una “accusa” mossa al Vatican Meeting for Bloggers

Le reazioni al Vatican Meeting for Bloggers sono contenute in oltre 17.000.000 di pagine web che ne hanno parlato, per tacere i contenuti condivisi su facebook o twitter (oltre 5.000 i tweets con l’hashtag #vbm11). Come ho già scritto su questo blog, il meeting è iniziato prima del suo inizio e deve ancora concludersi perché è vivo nella fitta rete di relazioni che si sono create.

Ovviamente oltre alle relazioni il meeting ha sviluppato reazioni. Per lo più sono state segnate dall’entusiasmo. Direi la quai totalità. E’ stato un evento elettrico che ha dato energia e ha mobilitato risorse, attese, idee. Si è trattato di un evento generatore di altro. Qualcuno però ha anche sollevato alcune critiche. Ed è bene che sia così, ovviamente. L’evento perfetto non esiste e se esistesse sarebbe falso. Lo stesso mons. Celli ho ha affermato nel suo discorso di apertura.

La critica di un certo spessore è quella secondo la quale sia stata “totalmente assente l’ipotesi che i social media possano essere un luogo d’ascolto” e dunque quella di considerare la blogosfera come un luogo di proselitismo

Consideriamo che l’incontro è stato tra bloggers che attivamente sono impegnati nella comunicazione di un messaggio. Anche se sono stati invitati bloggers non teneri con la Chiesa (cosa che avrebbe dovuto almeno far riflettere!), il meeting ha dato voce a un certo entusiasmo propositivo che solo una visione troppo preconcetta può restringere nei parametri del mero proselitismo. Al contrario la discussione tra i bloggers ha ondeggiato tra due possibilità in tensione dialettica: l’annuncio e l’omologazione. Solo uno sguardo superficiale può appiattire la tensione che si è sperimentata.

Se è difficile (e opinabile) la dimostrazione di questa tensione dialettica, almeno possiamo verificare gli interventi che hanno costituito l’impalcatura strutturale del meeting (seguendo anche i links che conducono agli interventi audio o video o testuali):

1) L’incontro si è aperto con alcune parole di mons. Celli che affermava chiaramente: “Siamo qui, quindi, per dialogare: un dialogo che, se da parte nostra significa convinzione della consistenza concreta, particolare ed importante della vostra presenza nel mondo della comunicazione, vuole anche dirvi il nostro desiderio di favorire e incrementare una certa relazione pervenendo – è troppo sperarlo? – a una qualche familiarità.”

2) Nell’avvio dell’incontro e del primo panel il dott. Richard Rouse ha espresso il senso dell’incontro tutto orientato a un confronto non trionfalistico ma “semplice” e finalizzato alla condivisione di idee, informazioni, bisogni, speranze, paure, aspirazioni…

3) Nell’avvio del secondo panel io stesso ho ripetuto parecchie volte proprio la parola “ascolto” perché ritengo che la presenza cristiana nella blogosfera abbia innanzitutto questo significato: ascoltare. Lo stesso annunzio del vangelo sarebbe flatus vocis se non fosse radicato nell’ascolto. In particolare ho cercato di insistere sull’ascolto delle culture emergenti.

4) Padre Federico Lombardi ha parlato chiaramente dell’ascolto dell’opinione pubblica nella Chiesa e della sua valorizzazione. Il suo intervento è stato seguito da un profluvio di tweets che hanno sottolineato le sue parole in questo senso.

5) Mons. Melchor Sánchez de Toca y Alameda nel suo intervento conclusivo ha ribadito e rafforzato il concetto. Ha detto chiaramente (e per ben 4 volte!) che l’invito era a dialogare ma, da parte dei Pontifici Consigli, esso era motivato dall’ascolto, dalla necessità di comprendere l’atmosfera comunicativa (e non gli strumenti) in cui viviamo.

6) Mons. Paul Tighe ha chiaramente ribadito che comunicare non è trasferire informazioni in maniera verticale ma creare comunità. E così ha chiuso l’incontro con parole molto semplici, dirette e immediate.

Il messaggio a mio avviso è stato dato con chiarezza.

Detto questo, non significa che non sia necessario vigilare perché il cristiano in Rete non sia un propagandista. E se ho segnalato la forte presenza del tema dell’ascolto è innanzitutto per ribadire il concetto e non semplicemente per “difendere” il meeeting da una “accusa”. Ma è lo Leggi tutto “Risposta ad una “accusa” mossa al Vatican Meeting for Bloggers”