Why did Pope Francis join Instagram?

Pope Francis is on Instagram since March 13, 2013

Pope Francis “landed” on Instagram Saturday, March 19, 2016.  In reality, figure out one thing right away: Pope Francis was already on Instagram.  In the sense that he is from when he looked out for the first time from the loggia for blessings, immediately after his election.  IMG_6350We must in fact understand that we are not on the social network only when we open a personal (or institutional) account, but when others talk about us and share our words and our presence on their social network

From when Pope Francis looked out from the loggia for blessings, photos with cell phones and tablets were shot that immediately ended up on social networks and therefore even on Instagram  Currently, we have many accounts that carry his name that post photos and short video that view him as a star.  But the more relevant presence is that which is due to the many who post and share images on their personal accounts.

Today photos can be distinguished by a hastag, that is, by a word that identifies the content preceded by the character #.  And so, many post with hashtags, even multilingual:  #PopeFrancis #PapaFrancesco #PapaFrancisco #PapstFranziskus #PapeFrancois #ПапаФранциск#PapaFranciscus #PapiezFranciszek #FranciskusPåve #PapaFrancesc#PausFranciscus #교황프란치스코 #PausFransiskus.  So just do a search for a hashtag, one or all, and see how the Pope is by now present on Instagram.

And we can add something: precisely the images shot by the faithful relate this Pope in all his pastoral and symbolic strength. The images that portray him at his best even at times are not the ones that come out well for the faithful, “clean” and clear, but those “dirty”, even blurry and moved.  The Pope of the people is related by the people who catch not only the gestures but also the context of the gestures from within.  And in this way, exactly, the Pope is already on Instagram from the first beyond anything official.

The pastoral logic of the selfie on Instagram

But there was a special moment of this process:  when Pope Francis welcomed a group of scouts, boys and girls, who arrived at St Peter’s from the oratory of St Fiorenzo di Fiorenzula d’Arda (Piacenza) August 28, 2013.  One of them drew out of his pocket a telephone and shot a selfie, that is a self-portrait taken with the frontal objective.  He thus photographed himself, his friends and the Pope in the midst of them, and he loaded it on Instagram, exactly.papa-autoscatto-2

It was one of those “dirty” photos and not clear like we mentioned before.  From then on, the social network is populated with young people who have taken a selfie with the Pope.  If politicians and diplomats take a protocol or so-called hand kissing photo, the young people take a selfie.  And the Pope accepts this communicative dynamic. Why?  Because it is pastoral, adapted to whoever he encounters.  The Pope loves to ensure that his conversation partners are not passive receptors of an event.  With a normal photo, the Pope is the protagonist and you document him.  With a selfie you are with the protagonist Pope of that event.  This does not diminish his authoritativeness at all, but the closeness he creates, to the contrary, increase it.114409537-00d259d9-fbf4-4d74-9150-ee237e24c9d5

Then, more than “communicating”, Pope Francis creates “communicative events” in which you feel called to actively participate.  In this sense you are before a reconfiguration of language that poses different accents and new priorities.

Why the photo?

Because the photo speaks.  I do not mean to solely say that it has symbolic value, but primarily it is an object for sharing.  Sharing your own photos is a gesture that allows sharing a piece of lived life.  And today there is no more need for a camera.  All the smartphones, that are iPhone, Android or Windows Phone or even others, are by now equipped with an objective of a certain quality.  Having a smartphone in your pocket means then also having a camera handy.  This technological evolution is giving life to a genuine revolution of the human experience of photography that consists of the fact that today you can photograph in any instant of life.  And the action of photographing has become—at times in a cumbersome way, certainly—part of the experience of an audience or a papal event of any type.2015_01_17_15_10_42

The “camera” is obsolete as an object, or better yet is reserved to the click buffs.  The professionals and especially the reporters who practice the so-called “phonographia” are multiplying, as a matter of fact.  The characteristics of this photographic experience is in the fact that the shot is only the first moment.  The second moment that follows this is the post-production, that is the elaboration of the photo thanks to numerous applications that allow modification even to applying filters: it is an action that allows elaborating an image to adapt it to one’s own view.  The third moment consists in sharing: any elaborate shot can always be shared on social networks.

Therefore: shot, elaboration and sharing.  Pope Francis enters into this ordinary dynamic of communication at the social time.

In the last years, specific social networks for photo sharing are even born.  The best known of them is Instagram, precisely.  But others are also born each with some special features such as Streamzoo, Pixir-o-matic, Hipster, PicYou, and others.

Photography is a democratic gesture

Then, photography becomes a “democratic” gesture and open to sharing.  The logic of the social network, married with that of the shot, has transformed photography from “memory” to “experience”.  They shoot the picture to “see” better what you see and to share the experience that you are having at the moment with your friends  The  snapshots become pieces of a “lifestreaming” narrative.  Sharing live photographs develops a flow of images that is not thought of as being archived, indexed, memorized.  The photos overlap, are replaced, gradually as they are posted in succession.  More than the creation of memory, then, it is to shape the experience and share it.  And here we find a genuine monogram for the pontificate: the realism of the experience and the strength and warmth of the sharing.

elezione-papa-2005-2013The presence of the Pope on Instagram was already guaranteed by the News.va official account.  Now his personal presence offers another level, higher and more visible, of the “identity” that will be able to allow extending the physical “piazza” to that digital.

How will it change the way to talk about the faith in the time of the symbolic and shared snapshots?

But here’s a broader and more general question raised by the Pope’s presence on Instagram:  How will the way of talking about the faith change in the time of symbolic and shared snapshots?  We don’t know and we are certainly living it:  the faith is expressed and shared thanks even to the photo.  This is why Pope Francis “lands” on Instagram.  Because in this flow of images you can discern a “desiderium naturale videndi Deum” (the natural desire to see God).  There are various experiments in this regard by the interesting names such as “Framing God in all things” or “Picturing God”.

theologyNot only: #theology has even become a hashtag used enough on Instagram.  The expansion of symbolic expression certainly will have an impact even on our capacity to talk about the faith in the culture of the digital.

It is an interesting path for groups and communities to tread: which images to talk about the faith?  Which hashtags, that is key-words to use?  The Church has a long tradition of visual catechesis in times in which literacy was limited.  And this tradition can tell a lot to people of today in the search of images to express their desire for a full life, as well as transcendence.


Perché Papa Francesco “sbarca” su Instagram?

Papa Francesco è su Instagram dal 13 marzo 2013

Papa Francesco «sbarca» su Instagram sabato 19 marzo 2016. In realtà è da capire subito una cosa: Papa Francesco è già su Instagram. Nel senso che lo è da quando si è affacciato per la prima volta dalla loggia delle benedizioni, subito dopo la sua elezione. Dobbiamo infatti comprendere che non siamo sui social network solo quando apriamo un account personale (o istituzionale), ma da quando gli altri parlano di noi e condividono nostre parole o la nostra presenza nei loro network sociali.

downloadDa quando Papa Francesco si è affacciato dalla loggia delle benedizioni sono state scattate foto con cellulari e tablet che sono subito finite sui social e dunque anche su Instagram. Attualmente abbiamo molti account che portano il suo nome che postano foto e brevi video che lo vedono protagonista. Ma la presenza più rilevante è quella che si deve ai tanti che postano e condividono immagini sui loro account personali.

Ogni foto può essere contraddistinta da un hashtag, cioè da una parola che ne identifica il contenuto preceduto dal carattere #. E così molti postano immagini con hashtags, persino plurilingue #PopeFrancis #PapaFrancesco #PapaFrancisco #PapstFranziskus #PapeFrancois #ПапаФранциск #PapaFranciscus #PapiezFranciszek #FranciskusPåve #PapaFrancesc #PausFranciscus #교황프란치스코 #PausFransiskus Dunque basta fare una ricerca per hashtag, uno o tutti, e vedere come il Papa sia da tempo presente su Instagram.

E possiamo aggiungere una cosa: proprio le immagini scattate dai fedeli raccontano questo Papa in tutta la sua forza pastorale e simbolica. Le immagini che lo ritraggono al meglio addirittura a volte non sono quelle che ai fedeli sono venute bene, «pulite» e nitide, ma quelle «sporche», persino sfocate e mosse. Il Papa del popolo viene raccontato dal popolo che coglie non solo i gesti ma anche il contesto dei gesti dal di dentro. E in questo modo, appunto, il Papa è già in Instagram dall’inizio al di là di ogni ufficialità.

La logica pastorale del selfie su Instagram

Ma c’è stato un momento speciale di questa presenza: quando Papa Francesco ha accolto un gruppo di scout, ragazze e ragazzi, arrivati a San Pietro dall’oratorio di S. Fiorenzo di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza) il 28 agosto 2013. Uno di loro ha tirato fuori dalla tasca un telefonino e ha scattato un selfie, cioè un autoritratto con l’obiettivo frontale. Ha fotografato così se stesso, gli amici e il Papa in mezzo a loro, e lo ha caricato su Instagram, appunto.papa-autoscatto-2

Si tratta di una di quelle foto «sporche» e non nitide di cui parlavo prima. Da quel momento il social network si è popolato di giovani che fanno selfie col Papa. Se politici e diplomatici fanno foto protocollari o dei cosiddetti baciamano, i giovani fanno i selfie. E il Papa accetta questa dinamica comunicativa. Perché? Perché è pastorale, adatta a chi incontra. Il Papa ama far sì che i suoi interlocutori non siano passivi recettori di un evento, ma siano dentro l’evento comunicativo. Con una foto normale il Papa è protagonista e tu lo documenti. Con un selfie tu sei con il Papa protagonista di quell’evento. Questo non diminuisce affatto la sua autorevolezza, ma la vicinanza che crea, al contrario, la aumenta. 065314692-c51282fe-2c2d-4000-a3da-0eaf4823ee24

Dunque, più che «comunicare», Papa Francesco crea «eventi comunicativi», ai quali si ci sente richiamati a partecipare attivamente. In questo senso si è dinanzi a una riconfigurazione del linguaggio che pone accenti differenti e priorità nuove.

Perché le foto?

Perché la foto parla. Non intendo dire solamente che ha valore simbolico, ma innanzitutto è oggetto di condivisione. Condividere una propria foto è un gesto che permette di condividere un pezzo di vita vissuta. E oggi non c’è più bisogno di una macchina fotografica. Tutti gli smartphone, che siano iPhone, Android o Windows Phone o altro ancora, sono ormai dotati di un obiettivo di una certa qualità. Avere uno smartphone in tasca significa dunque anche avere sempre a portata di mano una macchina fotografica. Questa evoluzione tecnologica sta dando vita a una vera e propria rivoluzione della esperienza umana della fotografia che consiste nel fatto che oggi si può fotografare in qualunque istante della vita. E il gesto del fotografare è diventato — a volte in maniera ingombrante, certo— parte dell’esperienza di una udienza o un evento papale di qualunque genere.2015_01_17_15_10_42

La «macchina fotografica» è obsoleta come oggetto, o meglio è riservata a cultori del click. Si vanno moltiplicando, anzi, i professionisti, e specialmente i reporter, che praticano la cosiddetta «phonografia». La caratteristica di questa pratica fotografica consiste nel fatto che lo scatto ne è solamente il primo momento. A questo, infatti fa seguito il secondo momento, cioè la post-produzione, cioè l’elaborazione della foto grazie a numerose applicazioni che ne permettono la modifica anche applicando filtri: è un gesto che permette di elaborare un’immagine per adeguarla alla propria visione. Il terzo momento consiste nella condivisione: ogni scatto elaborato può sempre essere condiviso sui social networks. 
Dunque: scatto, elaborazione e condivisione.
Papa Francesco entra in questa dinamica ordinaria della comunicazione al tempo dei social.

Negli ultimi anni sono nati anche dei social networks specifici di condivisione di foto. Il più noto di essi è Instagram, appunto. Ma ne sono nati anche altri, ciascuno con qualche puculiarità quali Streamzoo, Pixlr-o-matic, Hipster, PicYou, e altri.

La fotografia è un gesto democratico

Dunque la fotografia è diventata un gesto «democratico» e aperto alla condivisione. La logica del social network, sposandosi con quella dello scatto ha così trasformato la fotografia da «memoria» a «esperienza». Si scattano foto per «vedere» meglio ciò che si vede e per condividere l’esperienza che si sta facendo sul momento con gli amici. Le «istantanee» diventano i pezzi di una narrazione «lifestreaming». La condivisione in diretta delle fotografie sviluppa un flusso di immagini che non è pensato per essere archiviato, indicizzato, memorizzato. Le foto si accavallano, si sostituiscono, man mano che vengono postate in successione. Più che creazione di memoria, dunque, si tratta di plasmare l’esperienza e di condividerla. E qui troviamo una vera e propria cifra del pontificato: il realismo dell’esperienza e la forza e il calore della condivisione.elezione-papa-2005-2013

La presenza del Papa su Instagram era già garantita dall’account ufficiale News.vaAdesso la sua presenza personale offre un altro livello, più alto e visibile, di «identità» che potrà permettere di estendere la «piazza» fisica a quella digitale.

Come cambierà il modo di dire la fede al tempo delle istantanee simboliche e condivise?

Ma ecco una domanda più ampia e generale sollevata dalla presenza del Papa su Instagram: Come cambierà il modo di dire la fede al tempo delle istantanee simboliche e condivise? Non lo sappiamo, ma certo lo stiamo vivendo: la fede si esprime e si condivide grazie anche alle foto. Per questo Papa Francesco «sbarca» su Instagram.  Perché in questo flusso di immagini si può discernere un «desiderium naturale videndi Deum». Ci sono vari esperimenti a questo proposito dai nomi interessanti quali «Framing God in all things»  o «Picturing God».

theologyNon solo: #theology è diventato anche un hashtag abbastanza usato su Instagram. Il potenziamento dell’espressione simbolica certamente avrà un impatto anche sulla nostra capacità di dire la fede nella cultura della digitale.

E’ una strada interessante da percorrere anche per gruppi e comunità: quali le immagini per dire la fede? Quali gli hashtag, cioè le parole-chiave, da usare? La Chiesa ha una lunga tradizione di catechesi visiva in tempi in cui l’alfabetizzazione era limitata. E questa tradizione può dire molto all’uomo d’oggi alla ricerca di immagini per esprimere il proprio desiderio di una vita piena, oltre che di trascendenza.