Why did Pope Francis join Instagram?

Pope Francis is on Instagram since March 13, 2013

Pope Francis “landed” on Instagram Saturday, March 19, 2016.  In reality, figure out one thing right away: Pope Francis was already on Instagram.  In the sense that he is from when he looked out for the first time from the loggia for blessings, immediately after his election.  IMG_6350We must in fact understand that we are not on the social network only when we open a personal (or institutional) account, but when others talk about us and share our words and our presence on their social network

From when Pope Francis looked out from the loggia for blessings, photos with cell phones and tablets were shot that immediately ended up on social networks and therefore even on Instagram  Currently, we have many accounts that carry his name that post photos and short video that view him as a star.  But the more relevant presence is that which is due to the many who post and share images on their personal accounts.

Today photos can be distinguished by a hastag, that is, by a word that identifies the content preceded by the character #.  And so, many post with hashtags, even multilingual:  #PopeFrancis #PapaFrancesco #PapaFrancisco #PapstFranziskus #PapeFrancois #ПапаФранциск#PapaFranciscus #PapiezFranciszek #FranciskusPåve #PapaFrancesc#PausFranciscus #교황프란치스코 #PausFransiskus.  So just do a search for a hashtag, one or all, and see how the Pope is by now present on Instagram.

And we can add something: precisely the images shot by the faithful relate this Pope in all his pastoral and symbolic strength. The images that portray him at his best even at times are not the ones that come out well for the faithful, “clean” and clear, but those “dirty”, even blurry and moved.  The Pope of the people is related by the people who catch not only the gestures but also the context of the gestures from within.  And in this way, exactly, the Pope is already on Instagram from the first beyond anything official.

The pastoral logic of the selfie on Instagram

But there was a special moment of this process:  when Pope Francis welcomed a group of scouts, boys and girls, who arrived at St Peter’s from the oratory of St Fiorenzo di Fiorenzula d’Arda (Piacenza) August 28, 2013.  One of them drew out of his pocket a telephone and shot a selfie, that is a self-portrait taken with the frontal objective.  He thus photographed himself, his friends and the Pope in the midst of them, and he loaded it on Instagram, exactly.papa-autoscatto-2

It was one of those “dirty” photos and not clear like we mentioned before.  From then on, the social network is populated with young people who have taken a selfie with the Pope.  If politicians and diplomats take a protocol or so-called hand kissing photo, the young people take a selfie.  And the Pope accepts this communicative dynamic. Why?  Because it is pastoral, adapted to whoever he encounters.  The Pope loves to ensure that his conversation partners are not passive receptors of an event.  With a normal photo, the Pope is the protagonist and you document him.  With a selfie you are with the protagonist Pope of that event.  This does not diminish his authoritativeness at all, but the closeness he creates, to the contrary, increase it.114409537-00d259d9-fbf4-4d74-9150-ee237e24c9d5

Then, more than “communicating”, Pope Francis creates “communicative events” in which you feel called to actively participate.  In this sense you are before a reconfiguration of language that poses different accents and new priorities.

Why the photo?

Because the photo speaks.  I do not mean to solely say that it has symbolic value, but primarily it is an object for sharing.  Sharing your own photos is a gesture that allows sharing a piece of lived life.  And today there is no more need for a camera.  All the smartphones, that are iPhone, Android or Windows Phone or even others, are by now equipped with an objective of a certain quality.  Having a smartphone in your pocket means then also having a camera handy.  This technological evolution is giving life to a genuine revolution of the human experience of photography that consists of the fact that today you can photograph in any instant of life.  And the action of photographing has become—at times in a cumbersome way, certainly—part of the experience of an audience or a papal event of any type.2015_01_17_15_10_42

The “camera” is obsolete as an object, or better yet is reserved to the click buffs.  The professionals and especially the reporters who practice the so-called “phonographia” are multiplying, as a matter of fact.  The characteristics of this photographic experience is in the fact that the shot is only the first moment.  The second moment that follows this is the post-production, that is the elaboration of the photo thanks to numerous applications that allow modification even to applying filters: it is an action that allows elaborating an image to adapt it to one’s own view.  The third moment consists in sharing: any elaborate shot can always be shared on social networks.

Therefore: shot, elaboration and sharing.  Pope Francis enters into this ordinary dynamic of communication at the social time.

In the last years, specific social networks for photo sharing are even born.  The best known of them is Instagram, precisely.  But others are also born each with some special features such as Streamzoo, Pixir-o-matic, Hipster, PicYou, and others.

Photography is a democratic gesture

Then, photography becomes a “democratic” gesture and open to sharing.  The logic of the social network, married with that of the shot, has transformed photography from “memory” to “experience”.  They shoot the picture to “see” better what you see and to share the experience that you are having at the moment with your friends  The  snapshots become pieces of a “lifestreaming” narrative.  Sharing live photographs develops a flow of images that is not thought of as being archived, indexed, memorized.  The photos overlap, are replaced, gradually as they are posted in succession.  More than the creation of memory, then, it is to shape the experience and share it.  And here we find a genuine monogram for the pontificate: the realism of the experience and the strength and warmth of the sharing.

elezione-papa-2005-2013The presence of the Pope on Instagram was already guaranteed by the News.va official account.  Now his personal presence offers another level, higher and more visible, of the “identity” that will be able to allow extending the physical “piazza” to that digital.

How will it change the way to talk about the faith in the time of the symbolic and shared snapshots?

But here’s a broader and more general question raised by the Pope’s presence on Instagram:  How will the way of talking about the faith change in the time of symbolic and shared snapshots?  We don’t know and we are certainly living it:  the faith is expressed and shared thanks even to the photo.  This is why Pope Francis “lands” on Instagram.  Because in this flow of images you can discern a “desiderium naturale videndi Deum” (the natural desire to see God).  There are various experiments in this regard by the interesting names such as “Framing God in all things” or “Picturing God”.

theologyNot only: #theology has even become a hashtag used enough on Instagram.  The expansion of symbolic expression certainly will have an impact even on our capacity to talk about the faith in the culture of the digital.

It is an interesting path for groups and communities to tread: which images to talk about the faith?  Which hashtags, that is key-words to use?  The Church has a long tradition of visual catechesis in times in which literacy was limited.  And this tradition can tell a lot to people of today in the search of images to express their desire for a full life, as well as transcendence.

 

Perché Papa Francesco “sbarca” su Instagram?

Papa Francesco è su Instagram dal 13 marzo 2013

Papa Francesco «sbarca» su Instagram sabato 19 marzo 2016. In realtà è da capire subito una cosa: Papa Francesco è già su Instagram. Nel senso che lo è da quando si è affacciato per la prima volta dalla loggia delle benedizioni, subito dopo la sua elezione. Dobbiamo infatti comprendere che non siamo sui social network solo quando apriamo un account personale (o istituzionale), ma da quando gli altri parlano di noi e condividono nostre parole o la nostra presenza nei loro network sociali.

downloadDa quando Papa Francesco si è affacciato dalla loggia delle benedizioni sono state scattate foto con cellulari e tablet che sono subito finite sui social e dunque anche su Instagram. Attualmente abbiamo molti account che portano il suo nome che postano foto e brevi video che lo vedono protagonista. Ma la presenza più rilevante è quella che si deve ai tanti che postano e condividono immagini sui loro account personali.

Ogni foto può essere contraddistinta da un hashtag, cioè da una parola che ne identifica il contenuto preceduto dal carattere #. E così molti postano immagini con hashtags, persino plurilingue #PopeFrancis #PapaFrancesco #PapaFrancisco #PapstFranziskus #PapeFrancois #ПапаФранциск #PapaFranciscus #PapiezFranciszek #FranciskusPåve #PapaFrancesc #PausFranciscus #교황프란치스코 #PausFransiskus Dunque basta fare una ricerca per hashtag, uno o tutti, e vedere come il Papa sia da tempo presente su Instagram.

E possiamo aggiungere una cosa: proprio le immagini scattate dai fedeli raccontano questo Papa in tutta la sua forza pastorale e simbolica. Le immagini che lo ritraggono al meglio addirittura a volte non sono quelle che ai fedeli sono venute bene, «pulite» e nitide, ma quelle «sporche», persino sfocate e mosse. Il Papa del popolo viene raccontato dal popolo che coglie non solo i gesti ma anche il contesto dei gesti dal di dentro. E in questo modo, appunto, il Papa è già in Instagram dall’inizio al di là di ogni ufficialità.

La logica pastorale del selfie su Instagram

Ma c’è stato un momento speciale di questa presenza: quando Papa Francesco ha accolto un gruppo di scout, ragazze e ragazzi, arrivati a San Pietro dall’oratorio di S. Fiorenzo di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza) il 28 agosto 2013. Uno di loro ha tirato fuori dalla tasca un telefonino e ha scattato un selfie, cioè un autoritratto con l’obiettivo frontale. Ha fotografato così se stesso, gli amici e il Papa in mezzo a loro, e lo ha caricato su Instagram, appunto.papa-autoscatto-2

Si tratta di una di quelle foto «sporche» e non nitide di cui parlavo prima. Da quel momento il social network si è popolato di giovani che fanno selfie col Papa. Se politici e diplomatici fanno foto protocollari o dei cosiddetti baciamano, i giovani fanno i selfie. E il Papa accetta questa dinamica comunicativa. Perché? Perché è pastorale, adatta a chi incontra. Il Papa ama far sì che i suoi interlocutori non siano passivi recettori di un evento, ma siano dentro l’evento comunicativo. Con una foto normale il Papa è protagonista e tu lo documenti. Con un selfie tu sei con il Papa protagonista di quell’evento. Questo non diminuisce affatto la sua autorevolezza, ma la vicinanza che crea, al contrario, la aumenta. 065314692-c51282fe-2c2d-4000-a3da-0eaf4823ee24

Dunque, più che «comunicare», Papa Francesco crea «eventi comunicativi», ai quali si ci sente richiamati a partecipare attivamente. In questo senso si è dinanzi a una riconfigurazione del linguaggio che pone accenti differenti e priorità nuove.

Perché le foto?

Perché la foto parla. Non intendo dire solamente che ha valore simbolico, ma innanzitutto è oggetto di condivisione. Condividere una propria foto è un gesto che permette di condividere un pezzo di vita vissuta. E oggi non c’è più bisogno di una macchina fotografica. Tutti gli smartphone, che siano iPhone, Android o Windows Phone o altro ancora, sono ormai dotati di un obiettivo di una certa qualità. Avere uno smartphone in tasca significa dunque anche avere sempre a portata di mano una macchina fotografica. Questa evoluzione tecnologica sta dando vita a una vera e propria rivoluzione della esperienza umana della fotografia che consiste nel fatto che oggi si può fotografare in qualunque istante della vita. E il gesto del fotografare è diventato — a volte in maniera ingombrante, certo— parte dell’esperienza di una udienza o un evento papale di qualunque genere.2015_01_17_15_10_42

La «macchina fotografica» è obsoleta come oggetto, o meglio è riservata a cultori del click. Si vanno moltiplicando, anzi, i professionisti, e specialmente i reporter, che praticano la cosiddetta «phonografia». La caratteristica di questa pratica fotografica consiste nel fatto che lo scatto ne è solamente il primo momento. A questo, infatti fa seguito il secondo momento, cioè la post-produzione, cioè l’elaborazione della foto grazie a numerose applicazioni che ne permettono la modifica anche applicando filtri: è un gesto che permette di elaborare un’immagine per adeguarla alla propria visione. Il terzo momento consiste nella condivisione: ogni scatto elaborato può sempre essere condiviso sui social networks. 
Dunque: scatto, elaborazione e condivisione.
Papa Francesco entra in questa dinamica ordinaria della comunicazione al tempo dei social.

Negli ultimi anni sono nati anche dei social networks specifici di condivisione di foto. Il più noto di essi è Instagram, appunto. Ma ne sono nati anche altri, ciascuno con qualche puculiarità quali Streamzoo, Pixlr-o-matic, Hipster, PicYou, e altri.

La fotografia è un gesto democratico

Dunque la fotografia è diventata un gesto «democratico» e aperto alla condivisione. La logica del social network, sposandosi con quella dello scatto ha così trasformato la fotografia da «memoria» a «esperienza». Si scattano foto per «vedere» meglio ciò che si vede e per condividere l’esperienza che si sta facendo sul momento con gli amici. Le «istantanee» diventano i pezzi di una narrazione «lifestreaming». La condivisione in diretta delle fotografie sviluppa un flusso di immagini che non è pensato per essere archiviato, indicizzato, memorizzato. Le foto si accavallano, si sostituiscono, man mano che vengono postate in successione. Più che creazione di memoria, dunque, si tratta di plasmare l’esperienza e di condividerla. E qui troviamo una vera e propria cifra del pontificato: il realismo dell’esperienza e la forza e il calore della condivisione.elezione-papa-2005-2013

La presenza del Papa su Instagram era già garantita dall’account ufficiale News.vaAdesso la sua presenza personale offre un altro livello, più alto e visibile, di «identità» che potrà permettere di estendere la «piazza» fisica a quella digitale.

Come cambierà il modo di dire la fede al tempo delle istantanee simboliche e condivise?

Ma ecco una domanda più ampia e generale sollevata dalla presenza del Papa su Instagram: Come cambierà il modo di dire la fede al tempo delle istantanee simboliche e condivise? Non lo sappiamo, ma certo lo stiamo vivendo: la fede si esprime e si condivide grazie anche alle foto. Per questo Papa Francesco «sbarca» su Instagram.  Perché in questo flusso di immagini si può discernere un «desiderium naturale videndi Deum». Ci sono vari esperimenti a questo proposito dai nomi interessanti quali «Framing God in all things»  o «Picturing God».

theologyNon solo: #theology è diventato anche un hashtag abbastanza usato su Instagram. Il potenziamento dell’espressione simbolica certamente avrà un impatto anche sulla nostra capacità di dire la fede nella cultura della digitale.

E’ una strada interessante da percorrere anche per gruppi e comunità: quali le immagini per dire la fede? Quali gli hashtag, cioè le parole-chiave, da usare? La Chiesa ha una lunga tradizione di catechesi visiva in tempi in cui l’alfabetizzazione era limitata. E questa tradizione può dire molto all’uomo d’oggi alla ricerca di immagini per esprimere il proprio desiderio di una vita piena, oltre che di trascendenza.

«L’amore prima del mondo». Papa Francesco risponde ai bambini del mondo

BergoglioMONDO300dpiCon il volume L’amore prima del mondo, pubblicato in Italia da Rizzoli (in inglese: Dear Pope Francis, Loyola Press) per la prima volta il Pontefice inaugura un dialogo diretto con i bambini di tutto il mondo in forma di libro, rispondendo con parole semplici e intime.

Come un padre che accoglie le loro domande, Francesco ha confidato ai più piccoli la sua riflessione sulla vita e sulla fede.

La storia del libro

L’idea de L’amore prima del mondo (Dear Pope Francis, nell’edizione inglese) è della Loyola Press, editrice statunitense legata alla Compagnia di Gesù. Tanti sono gli editori che lo hanno pubblicato nel mondo. In Italia esce per Rizzoli.

I responsabili della Loyola mi fecero parte della loro idea, che trovai subito molto interessante. Così lo scorso maggio ebbi modo di parlarne al Papa, il quale subito rispose di sì a questo progetto, e con gioia.
Si mise in moto, quindi, il processo che ha coinvolto 31 gesuiti e collaboratori sparsi in tutto il mondo, i quali hanno coperto 26 Paesi di tutti i continenti, tranne l’Antartide. Tra di essi la Cina continentale, la Russia, la Siria, il Kenya e tanti altri: centri urbani, campi profughi, ma anche campagne sperdute.Dear Pope Francis: Children of the World Bring Their Questions to Rome - The IN Network
Sono stati coinvolti ragazzi e ragazze tra i 6 e i 13 anni. In alcuni casi sono stati spediti colori e pennarelli, perché in alcuni Paesi questi materiali non erano a disposizione con facilità.

02956_22022016

Le spedizioni hanno coperto 270.000 chilometri nel mondo. Sono arrivate al Papa 31 delle 269 lettere giunte alla redazione della Loyola Press a Chicago, e questo grazie alla selezione compiuta da genitori, nonni, catechisti e anche da altri bambini che sono stati coinvolti.
Il 5 agosto 2015 il Papa mi ha dato appuntamento per leggere le lettere e dare le risposte. Gli ho consegnato domande e disegni.
Lui si è mostrato subito incuriosito, le ha sfogliate, le ha lette, esclamando: «Ma sono difficili, queste domande!». Le avevo lette, e davvero le avevo trovate anch’io difficili. Le domande dei bambini sono senza filtri, senza fronzoli, senza vie di fuga. Sono domande dirette, brusche, chiare. Non ci si può rifugiare nella penombra dei concetti troppo astratti o nei ragionamenti cavillosi. Sono anche domande molto concrete.

1024x768_bestfit (7)
L’ho subito capito: il Papa avrebbe voluto davanti a sé quei bambini. Il Papa ama guardare in faccia le persone che gli pongono le domande. L’ho verificato tante volte. In quel momento però aveva davanti me, che non ho certo il volto da bambino… Così ogni tanto ha voluto guardare nel vuoto e si è rivolto a un bambino che cercava di immaginare. Ha risposto guardando non me, ma una ipotetica immagine di quei bambini. Ho visto nel suo sguardo cura, simpatia. Sapevo che nel suo cuore stava rispondendo a loro. Si sforzava di immaginarli. Li avrebbe voluti lì con sé.
Io stesso mi sono identificato ogni tanto con loro, dicendogli che questa era una domanda che io avevo posto a mia madre. In un’occasione ho esclamato: «Ma com’è possibile? Non mi dica!». Insomma ho interagito con il Papa che interagiva nel suo cuore con il bambino o la bambina che gli aveva posto la domanda. Una situazione davvero curiosa, ma molto bella.

Il Papa ha guardato intensamente i disegni. Rispondendo o dopo aver risposto, li ha commentati, li ha interpretati: sono parte delle domande, del resto. Ho notato che, con la sua finezza spirituale, a volte coglieva il senso di una domanda più dalle immagini che dalle parole che gli leggevo.
Abbiamo trascorso così oltre un’ora e mezza senza interruzione, di seguito. Lui seduto sul divano e io su una poltrona, mentre l’immaginazione non poteva fare a meno di viaggiare per Canada, Brasile, Siria, Cina, Argentina, Albania… i luoghi dove questi bambini vivono: bei giardini o campi profughi. Lo capiamo dai disegni.
Il Papa mi ha detto chiaramente quello che avevo percepito: «È bello rispondere alle domande dei bambini, ma li dovrei avere qui con me, tutti! Lo so che sarebbe bellissimo. Ma so anche che questo libro di risposte andrà in mano a tanti bambini in tutto il mondo che parlano lingue differenti. E di questo sono felice».

56a65e6cc53e6
Papa Francesco tempo fa, in un suo discorso ai superiori generali degli Ordini religiosi, aveva detto: «Mi viene in mente quando Paolo VI ricevette la lettera di un bambino con molti disegni. Disse che su un tavolo dove arrivano solo lettere con problemi, l’arrivo di una lettera così gli fece tanto bene. La tenerezza ci fa bene».

Ember Library Mediator

Chi sono i bambini, per Papa Francesco?

Il Papa non ha bisogno di «dire» chi per lui sono i bambini, perché il suo rapporto con loro lo si vede con chiarezza dal suo modo di fare, dai suoi gesti. Non sono rare le occasioni nelle quali ha avuto modo di parlare con loro, anche rispondendo alle loro domande.
L’udienza generale in piazza San Pietro del 18 marzo 2015 è stata una delle poche occasioni in cui Francesco ha parlato diffusamente dei bambini come tema del suo discorso. E in tale occasione ha detto: «Dio non ha difficoltà a farsi capire dai bambini, e i bambini non hanno problemi a capire Dio».03115_22022016
I bambini poi portano all’umanità tante ricchezze. Innanzitutto «portano il loro modo di vedere la realtà, con uno sguardo fiducioso e puro», «non ancora inquinato dalla malizia, dalle doppiezze, dalle “incrostazioni” della vita che induriscono il cuore», nonostante i loro egoismi, che pure hanno. Ma certo i bambini non sono «diplomatici: dicono quello che sentono, dicono quello che vedono, direttamente. E tante volte mettono in difficoltà i genitori, dicendo davanti alle altre persone: “Questo non mi piace perché è brutto”. Ma i bambini dicono quello che vedono, non sono persone doppie, non hanno ancora imparato quella scienza della doppiezza che noi adulti purtroppo abbiamo imparato».AlessioePapa

Un libro per tutti

Le risposte di Papa Francesco sono sintonizzate sulla freschezza infantile. E sappiamo che quando il Papa parla agli adulti, i bambini non ascoltano, ma quando parla ai bambini, ascoltano anche gli adulti. Francesco si lascia interrogare profondamente e offre risposte che anche il lettore adulto non farà fatica a comprendere quanto riguardino la vita della Chiesa oggi. Il Pontefice sa infatti che è stato lo stesso Gesù a invitare i suoi discepoli a «diventare come i bambini», perché «a chi è come loro appartiene il Regno di Dio» (Mt 18,3; Mc 10,14).
Cogliendo il valore de L’amore prima del mondo, il cardinal Tagle ha affermato in una intervista che « Questo libro cambia anche le false forme di “saggezza” o di “autosufficienza” che causano molti conflitti e sofferenza nel nostro mondo. […]. Se ascoltiamo i bambini, riscopriremo ciò che conta veramente nella vita».

 

La comunicazione non scomunica. 5 punti del MESSAGGIO di #PapaFrancesco per la 50a Giornata Mondiale delle COMUNICAZIONI

IMG_4099

Col suo Messaggio per la 50° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali Papa Francesco ha voluto connettere il tema della «Comunicazione» a quello della «Misericordia». L’accostamento non è scontato. Che cosa significare comunicare in maniera misericordiosa? Come si fa a comunicare la misericordia?

Segnalo di seguito  5 punti a mio avviso centrali nel Messaggio del Papa.

1) La comunicazione è «credibile» se è «affidabile»

L’assunto di base di questo Messaggio è che tutto ciò che facciamo è comunicazione. L’amore è comunicazione: quando è vero amore non può isolarsi. Se fosse isolato, sarebbe una forma spiritualista di egoismo. Dunque proprio nel modo in cui cerchiamo di vivere con tutto il nostro essere ciò che stiamo comunicando, contribuiremo a restituire credibilità alla comunicazione umana. Questo è il senso dell’incipit del Messaggio. La comunicazione è «credibile» non solo se oggettivamente corrisponde al vero ma se è «affidabile», cioè è espressione di una relazione di fiducia, di un impegno del comunicatore a vivere bene la sua relazione con chi ascolta o chi partecipa all’evento comunicativo.

2)    La comunicazione della Chiesa non è «esclusiva»

Francesco comincia subito a parlare della comunicazione ecclesiale. E dice che essa deve essere inclusiva, da Madre, capace di «toccare i cuori delle persone e sostenerle nel cammino». Dobbiamo comunicare da figli di Dio con altri figli di Dio, senza distinzione di credo, idea, visione del mondo. Dobbiamo dunque arrestare il processo di svilimento delle parole, il nominalismo della nostra cultura. La gente è stanca di parole senza peso proprio, che non si fanno carne, che nella nostra predicazione fanno sì che Cristo non si manifesti più come persona, bensì come idea, concetto, astratta teoria dottrinale. Si restituisca alla parola — specialmente a quella della predicazione — la sua «scintilla» che la rende viva e che dà calore e odore umano alle parole della fede.

3) La comunicazione non scomunica

«La comunicazione ha il potere di creare ponti, di favorire l’incontro e l’inclusione, arricchendo così la società», scrive il Papa. E «Le parole possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli». Persino quando «deve condannare con fermezza il male, cerca di non spezzare mai la relazione e la comunicazione». La comunicazione, proprio perché stimola la creatività, deve sempre creare ponti, favorire l’accessibilità, arricchire la società. Dovremmo gioire del potere di parole e azioni scelte con cura per superare le incomprensioni, sanare i ricordi e costruire pace e armonia. Le parole costruiscono ponti, sono «pontefici» tra le persone. E questo dovunque: sia nell’ambiente fisico sia in quello digitale. Parole e azioni devono aiutarci a fuggire dal circolo vizioso della condanna e della vendetta che continua ad intrappolare gli individui, le persone e le nazioni, e che poi si esprime con messaggi di odio.
La parola del cristiano, in particolare, deve tendere alla comunione e dunque a togliere di mezzo l’atteggiamento di «scomunica». Ricordiamo che «la memoria delle mutue sentenze di scomunica, insieme con le parole offensive e i rimproveri immotivati per molti secoli ha rappresentato un ostacolo al ravvicinamento» anche tra cristiani. «La logica dell’antagonismo, della diffidenza e dell’ostilità, simboleggiata dalle scomuniche reciproche» deve essere «sostituita dalla logica dell’amore e della fratellanza», aveva scritto Papa Francesco nel suo Messaggio a Sua Santità Bartolomeo I, Patriarca Ecumenico, per la festa di sant’Andrea, 2015.
Per non spezzare la comunione è importante saper ascoltare, cioè «essere capaci di condividere domande e dubbi, di percorrere un cammino fianco a fianco, di affrancarsi da qualsiasi presunzione di onnipotenza e mettere umilmente le proprie capacità e i propri doni al servizio del bene comune».

4)    La misericordia è politica

«Vorrei, dunque, invitare tutte le persone di buona volontà a riscoprire il potere della misericordia di sanare le relazioni lacerate e di riportare la pace e l’armonia», scrive Papa Francesco, sottolineando che «questo vale anche per i rapporti tra i popoli». Dunque «è auspicabile che anche il linguaggio della politica e della diplomazia si lasci ispirare dalla misericordia, che nulla dà mai per perduto». Ecco il senso della «diplomazia della misericordia» per Francesco: non considerare mai nulla perduto nella relazione tra popoli e nazioni. A questo deve servire la comunicazione politica, dunque.
Il Papa invita coloro che sono intrappolati in vecchie ostilità ad intraprendere il cammino della misericordia; di riconoscere le proprie responsabilità, e di chiedere perdono e mostrare misericordia verso coloro che gli hanno fatto del male. Andiamo al di là della distinzione tra «vittime» e «carnefici».
Ma dobbiamo superare anche un’altra logica: quella che contrappone «vincitori» e «vinti». Viviamo in un mondo dove siamo abituati a dover provare quanto valiamo, a dover guadagnarci il rispetto e l’ammirazione degli altri. Spesso tale riconoscimento è riservato a coloro che hanno raggiunto il successo attraverso il benessere, il potere e la fama. Come risultato, possiamo notare un divario crescente tra coloro che sono visti come vincitori e coloro che sono giudicati perdenti. Nella società le persone competono per imporre il proprio valore e dignità, e chi sta in alto vuole tenere gli altri in basso. Tale visione indebolisce la dignità delle persone e, in particolare, ha come risultato che coloro che hanno fallito o che sono giudicati non all’altezza delle aspettative, vengono marginalizzati e rifiutati. Il nostro modo di comunicare non deve dunque esprimere mai l’orgoglio superbo del trionfo su un nemico, né umiliare coloro che sono scartati, che sono considerati «perdenti» e sono abbandonati. La misericordia può aiutare a mitigare le avversità della vita e offrire calore a coloro che hanno conosciuto solo la freddezza del giudizio. Un uomo può guardare un altro uomo dall’alto in basso solamente per aiutarlo a sollevarsi.
Infine — leggiamo — «lo stile della nostra comunicazione sia tale da superare la logica che separa nettamente i peccatori dai giusti. Noi possiamo e dobbiamo giudicare situazioni di peccato – violenza, corruzione, sfruttamento, ecc. – ma non possiamo giudicare le persone, perché solo Dio può leggere in profondità nel loro cuore». Infatti «parole e gesti duri o moralistici corrono il rischio di alienare ulteriormente coloro che vorremmo condurre alla conversione e alla libertà, rafforzando il loro senso di diniego e di difesa».

5) La rete costruisce cittadinanza

Se la comunicazione ha una rilevanza politica, essa ha anche un peso sempre più forte nel sentirsi cittadini, nel costruire la cittadinanza. Riconoscendo la rete come luogo di una «comunicazione pienamente umana», il Papa afferma che «anche in rete si costruisce una vera cittadinanza. L’accesso alle reti digitali comporta una responsabilità per l’altro, che non vediamo ma è reale, ha la sua dignità che va rispettata. La rete può essere ben utilizzata per far crescere una società sana e aperta alla condivisione».
Il «potere della comunicazione» è la «prossimità». La prossimità innesca una tensione bipolare di avvicinamento e allontanamento e, al suo interno, presenta un’opposizione qualitativa: avvicinarsi bene e avvicinarsi male. Ecco il compito di chi oggi è impegnato nella comunicazione: «In un mondo diviso, frammentato, polarizzato, comunicare con misericordia significa contribuire alla buona, libera e solidale prossimità tra i figli di Dio e fratelli in umanità».

Digital diplomacy, Social Networks and the Holy See. Interview with Ambassador Nigel Baker

Digital_Diplomacy___Flickr_-_Photo_Sharing_The Social Media Week, an international event dedicated to web, technology, innovation and social media, is underway. A week of encounters and experiences which, from 22 to 26 September, take place simultaneously in 11 cities in the world: London, Berlin, Johannesburg, Los Angeles, Sao Paulo, Sydney, Mumbai, Miami, Rotterdam, Chicago and Rome. A global and a local event, then. The theme is fascinating: Re-imagining human connectivity. At the same time, the Foreign & Commonwealth Office in London is organising a week of events around its global network, as part of a wider programme building the capability of its staff in using digital in communications, service delivery and policy-making.
Furthermore, from 22 to 24 September, the Committee for a reform of Vatican media will be meeting. The commission, which includes also members who are not internal to the Vatican itself , is drawing up a planning and a work method.
In this framework of events, I asked the British Ambassador to the Holy See Nigel Baker some questions, knowing his attention to digital diplomacy.

When and why the British Embassy to the Holy See has decided to establish a significant presence on social media? How did you came up with the idea, and what exactly this presence is made of?

As British Ambassador in Bolivia (2007-11) I had already seen the potential of social media. I had a blog in English and Spanish, mainly aimed at a Bolivian audience but which had readers from right around the world. I realised then that for an embassy with limited resources, social media was an excellent way of getting our messages out to a wider audience, as well as hearing what that interested audience had to say, and responding to it.

Isn’t some discretion linked to diplomatic work? How do you match digital communication and discretion?

Although discretion is still very much a part of any diplomat’s life and work, we must also be communicators, and ensure that what we do is relevant to the changing, dynamic world around us. For example, the British public, which pays for the embassy through its taxes, has a right to know what the British Embassy to the Holy See is doing on its behalf. What I realized in Rome, from the outset, was that there was a real challenge in demonstrating that this was an embassy not just focused on the internal business of the Vatican, but accredited and engaged with the most extensive global network in the world; the Holy See network.

Social media certainly does not respect national boundaries…

Certainly not, it is the tool par excellence of the networked world, is therefore an ideal instrument for communicating with the Holy See globally, breaking down the hierarchies and mystique that unnecessarily surround the Holy See, and setting out our stall on the many issues with which Her Majesty’s Government is concerned in its dealing with the Holy See: from international development to the death penalty, the situation in the Middle East to our mutual concerns in Africa. My colleague in Beirut, Ambassador Tom Fletcher, sets it out very well in his own digital blog, The Naked Diplomat.

Has feedback from the public been positive so far? What did you learn from the replies received?

My initial conviction has certainly been confirmed by the response. My blog, carried on Foreign Office and commercial platforms, is I know read by many people in the Vatican and beyond. We have readers from the Philippines and Australia, India and the United States, as well as the United Kingdom; not an audience I could otherwise have reached. Since 2011, we have worked to make our Twitter account live, dynamic and interesting, and have used it to run a number of events from Q&A sessions to competitions – more than 6,300 followers suggest that it is working.

You talk about texts and readers, what about images? Aren’t they more powerful than a thousand words?

Image is vital to people’s understanding of the Holy See, and so both Twitter and Flickr are wonderful tools for visual communication.

I imagine the digtial platforms are helping you to develop your network of contacts…

We use LinkedIn both as a platform for the blog, as well as for developing a wider range of contacts. None of this is particularly revolutionary, and I have noticed that more embassies to the Holy See have started to follow our lead. It requires some effort, and resource, but I think is well worth it. My whole embassy team is involved.

Nowadays, we start to talk about Digital Diplomacy or eDiplomacy. The Foreign and Commonwealth Office has a strategy in this respect, and defines it as “solving foreign policy problems using the internet”. Could you please tell us a little bit more about this concept?

Some examples, if I may, The Foreign Office (FCO) keeps British nationals informed of essential travel advice updates and crisis information across all its digital channels – monitoring those channels, especially in crisis situations where social media allows us proactively provide those affected with real-time information, and responding to major queries. Ambassadors use social media to explain their work, to extend UK influence and to set the record straight when necessary. The FCO uses digital channels to help reinforce the objectives of major conferences, events and visits, for example carrying out extensive engagement with the Somali Diaspora in the run-up to a Somalia conference hosted by the UK, or the extensive digital engagement around the world during the recent conference on Ending Sexual Violence in Conflict. We have moved our human rights reporting online, allowing us to move to more frequent reporting and to invite comments from the public. The FCO funds projects to promote internet freedom. And last year we hosted a major conference to push forward international work on the future of cyberspace.

An intense activity, which we could define as a wide involvement of people at various levels, from interested citizens to experts…

Indeed. Internet gives us increasing access to people affected – directly and indirectly – by key international issues, and those who are influential in key debates. By listening and engaging with them we get a better understanding of what the issues are and how we can help solve them. We can also involve people more directly in our policy work, for example by crowdsourcing feedback on our Human Rights report. We can reach out to local subject experts via platforms like Twitter and LinkedIn to get a more nuanced view of how (say) trade, energy or social issues impact people differently in different countries. And as I have already mentioned, we can also use the internet to communicate our policy work better so that people can understand why we are doing what we do and how it is helping to deal with those issues. For me, the main question to be asked by any foreign service should not be: do we need to be digital? It should be: can we afford not to be in the digital space? For the UK, the answer is a resounding no.

What are the main advantages you could experience? Did you notice also problems or aspects to improve?

I think the main advantages include access to people with whom traditionally diplomats have not had contact (which can also be a challenge, because inevitably digital engagement means we expose ourselves to a wider world than the once closed “corridors of power”). It gives us a more nuanced understanding of the places, people and issues we are dealing with. An ability to target our messages more accurately, and therefore convey information in more appropriate ways to different audiences. Communication is now a two-way street: we listen as well as we talk, and this helps us to test policy ideas quickly and easily with wide variety of groups. An ability to respond more rapidly to changing events – particularly in a crisis. Again, something that can also be a challenge.

I suppose that listening has an impact on the services offered by your Government. Listening means paying attention to real requirements…

By listening, we can give British Nationals better access to services and transactions delivered by government. This is especially helpful when they are abroad. And it also means we can also use our extensive global network of embassies and other missions in a genuinely universal way. For example, when our team in London working on the death penalty wishes to get a message out to multiple audiences, they know that my embassy is plugging in to a broad, largely Catholic audience. At the same time, they can reach, through our other missions and their digital followers, completely different publics elsewhere. Perhaps for the first time, in this way, diplomacy – if digital is used well – becomes truly global.

I reckon it wasn’t easy to learn a new language, to inhabit the digital environment…

The challenges are real. The FCO is a massive organisation and this is a fast moving and evolving landscape so there will always be areas to improve. It has not always been easy to adapt to a new and more open way of talking about what we do, learning a new language to suit the platforms we are using, understanding better how to engage with people rather than simply broadcast messages. What I learned about my profession when I became a diplomat in 1989 remains relevant, but digital requires also that we do things differently and need to develop new skills – the secrecy and exclusivity of the diplomatic bag no longer applies! We need to develop a distinctive voice on an internet crowded with opinions.

And you need to understand when it is time to write, and the time to remain silent…

Indeed, we need to understand when not to write. Once out, our opinions can never be erased.

The Holy See has also a strong digital footprint and the Holy Father has a presence on Twitter. How do you value this presence?

Pope Francis was very clear in Evangelii Gaudium. If the Church cannot communicate its message, it is moribund. Its raison d’etre is tied up with the Gospel, the Good News, and I emphasise here the “News”. It, too, has to operate across a global network of multiple languages, cultures, ideas and opinions. One of the key difficulties for the Holy See before digital was that, too often, its voice was being interpreted, filtered and sometimes mistranslated by others – the global media – which as intermediaries were often heard more clearly than the original information source. Engaging in digital allows the Holy See to get its voice across directly. For a diplomat accredited to the Holy See, getting the unfiltered message, quickly and succinctly, is invaluable also for us.

Which were your thoughts when Benedict XVI decided to have a presence on twitter?

I was therefore delighted to see the Holy See Twitter experiment begin, and it has clearly been a success. Critics have said that complex messages cannot be transmitted in 140 characters. I think Benedict XVI and now Pope Francis have proved those critics wrong. First of all, the message does not need to be over-complicated. The discipline of paring down what we want to say to its essence is a valuable one – who was it who said that Jesus would have been very at home with Twitter? Secondly, the reach is truly extraordinary. Several languages, millions of followers, and with every tweet re-tweeted the Pope can reach 60 million people in seconds. We were delighted when Pope Francis decided totweet his support for my government’s efforts to end sexual violence in conflict with a tweet that had huge impact with all those involved, from governments to human rights defenders. As a great teacher, Pope Benedict saw the need. As a great communicator, Pope Francis has taken it to another dimension. That will surely continue. There is no going back.

Antonio Spadaro