Ecco il video che Papa Francesco ha girato con un iPhone. Il mio commento

PapaFrancesco ha registrato un video con un iPhone invitando i cristiani all’unità. Ecco il video e sotto un mio primo commento:

1. Papa Francesco sposa in pieno la logica relazionale della comunicazione. Il video è girato da un vescovo non cattolico amico del Papa da anni. La registrazione avviene perché essa sia condivisa con altri dentro una assemblea di preghiera. In questo senso il Papa recepisce il fatto che comunicare non significa semplicemente trasmettere ma condividere in un contesto di relazioni. E’ dunque sempre una testimonianza. Il video ha un forte taglio testimoniale.

2. Papa Francesco non ha alcun problema a mostrare la sua difficoltà a parlare l’inglese. E’ sempre se stesso. Dice alcune parole e poi passa all’italiano (non allo spagnolo), ma dicendo che in realtà parla la lingua del cuore che ha una grammatica semplice. Il Papa così appare autentico, semplice, senza filtri, senza bisogno di set o di luci aggiustate. E’ se stesso, naturale, a suo agio. Risolto.

3. Il Papa invia un messaggio alto ma lo fa in maniera semplice e facendo appello a due sentimenti: la nostalgia e la gioia. Il suo messaggio è quello dell’impegno ecumenico. Si riconosce fratello tra fratelli. Dice di provare gioia e nostalgia. Gioia perché parla a fratelli che pregano, e questo fa capire come il Signore è all’opera sempre e dovunque. Ma anche con nostalgia, nostalgia dell’abbraccio tra i cristiani. Perché i cristiani sono divisi. Gli manca quell’abbraccio. Le divisioni tra i cristiani ci sono, e sono colpa dei nostri peccati, dice. Solo il Signore è giusto. Sente il bisogno di invitare a quel pianto che riconcilia. Dunque il suo messaggio si modula a due livelli: l’impegno ecumenico a superare le divisioni, e i sentimenti di nostalgia e gioia. Quello di gioia è il primo perché dice l’unità, l’abbraccio ora possibile e necessario.

4. Il Papa comunica questo messaggio alto e impegnativo usando un mezzo pop come l’iPhone e con un messaggio che va innanzitutto a persone riunite, e poi va anche su una piattaforma pop come YouTube. Non solo: in questo messaggio semplice e diretto cita Alessandro Manzoni. Non c’è più distinzione tra alto e basso, tra cultura che si trasmette in forme alte e cultura pop che si trasmette in forme popolari.

5. Il Papa si rivolge a cristiani pentecostali, che rappresentano una grande sollecitazione per le Chiese, specialmente le più giovani. In questo senso il Papa abbraccia questa realtà, chiede di pregare. Accetta la sollecitazione e la pone su un piano di fede e di comunione fraterna. La risposta del vescovo protestante nel suo discorso di presentazione di questo video è eloquente. A proposito dei protestanti afferma: “The protest is over!” (La protesta è finita).

Questo video è talmente naturale e semplice da rivelare una grande sfida per la missione della Chiesa nel nostro tempo.

Leggi tutto “Ecco il video che Papa Francesco ha girato con un iPhone. Il mio commento”

CYBERGRACE

cybersitoCome affrontare il tema della spiritualità al tempo della Rete?

In questo libro rifiuto l’opinione comune che non ci sia spazio per essa in un mondo tecnologizzato.

E tuttavia affermo che è necessario capire come la frequentazione dell’ambiente digitale e anche l’uso di strumenti tecnologici in maniera oggi sempre più naturale abbiano un impatto sul modo in cui l’uomo vive la propria spiritualità e la propria vita di fede. Cerco quindi di individuare alcune questioni chiave, particolarmente rilevanti, partendo proprio dall’uso comune di alcune «applicazioni» e tecnologie.

Lo trovi su: Amazon | Bookrepublic | iBookstore » 2.99€

This book is available also in ENGLISH

How to deal with the question of spirituality in the age of the internet? The popular opinion that there is no space for spirituality in the technologized world is clearly refuted. Nevertheless we live a time in which the logic of the Net influences the way we think, learn, communicate and maybe believe and pray as well.

Here I try to identify some key issues that seem particularly relevant, starting with the popular use of certain applications and technologies.

A SINGLE QUOTE

«Technology is the organization of matter according to a conscious human design, and therefore, belongs to man’s spiritual being. We are called upon to understand its very nature as it relates to spiritual life.

Obviously, technology remains ambiguous because man’s freedom can just as easily serve evil, but it is exactly this possibility that highlights how technology’s very nature is intrinsically linked to a world of possibilities regarding the spirit.»

Il primo tweet ufficiale della Segreteria di Stato Vaticana @TerzaLoggia

Cybertheology: thinking about Christianity in the era of the Net

What I post here is a review of my book Cyberteologia. Pensare il cristianesimo ai tempi della rete [Cybertheology. Thinking about Christianity in the era of the Net] written by Maria Way (researcher on Media and Religion, London) and published on Communication Research Trends, Vol. 31 (2012) no. 3, pp. 37-41. I consider this review a great introduction to Cybertheology for English speaking people who what to know more about it.

Antonio Spadaro, s.j. is the Editor of La Civiltà Cattolica, the sometimes controversial Jesuit journal. Here, he attempts to address what he sees as a lacuna in literature on the internet: the relationship between the internet and theology. He considers that theology is, according to a ‘classical’ (although there is no designation of its origin) definition: ‘..intelligence of the faith, and we know well how intelligence, understood as critical and reflexive knowledge, is not extraneous to cultural changes that are underway.’(p.11, all translations are mine). This book’s genesis was a request that he speak on internet and faith at an Italian Bishops’ Council, Office of Social Communications’ conference on digital witnessing. No doubt he was asked because of a number of articles he had written in Civiltà Cattolica and his two previous books: Connessioni: Nuove forme della cultura (Connections: New Forms of Culture) (2006) and Web 2.0: Reti di relazione. (Web 2.0: Webs of relationships) (2010).

Spadaro notes that this request had him at a disadvantage, since the Bishops neither wanted a discussion of internet mechanisms used, nor something on the sociology of web religiosity, since neither seemed individually sufficient. This realization caused something that all of us who write will recognize: he sat in front of a blank screen, not knowing where to start, knowing only that he would have to write something on the topic’s theology when the internet’s logic is a sign of the way we now think, understand, communicate and, indeed, live. This viewpoint is easy to hold in countries where internet penetration is high (the Italian government embarked on a project to wire Italy completely some years ago), but perhaps less easy in countries with low penetration. His exploratory territory was, he believes, ‘still wild, little occupied…’(p.6). He felt he needed to explain the phenomenon from a systematic theology viewpoint, thus having two questions:

What impact has the net had on the way we understand the Church and the ecclesial communion?

What impact has it had on the ways in which we think about Revelation, grace, liturgy, the sacraments and classical theological themes?

The talk was a first step towards answering these questions, answers he is still working to supply. He began, as anyone working from a Catholic viewpoint would, by looking at Church documents on communication, specifically mentioning Benedict XVI’s 2011 talk to the Pontifical Council for Social Communication in which he mentioned Aetatis Novae (At the Dawn of a New Age) (1992). Spadaro notes (p.7) that:

‘if Christians reflect on the net, it is not only to learn to use it well, but because they are called to help humanity and to understand the profound significance of the web itself in God’s project, not as an instrument to use, but as an ambience to inhabit’.

On p.11, he quotes John Paul II’s 2005 apostolic letter ‘Rapid Development’ (n.10):

‘ [The Church] .. alerts [us] to the need to offer its own contribution for a better comprehension of the perspectives and responsibilities connected to present developments in social communications’

We often forget that the Catholic Church has used the available means of communication for its main purpose – evangelization – since it began. Electronic communication methods are just another of these means. Spadaro says he is neither sociologist, nor technician, but trained in theology, philosophy and literature. He believes that this formation has informed his views and interests on the web. Amongst influences mentioned are Marshall McLuhan, Gerard Manley Hopkins, Flannery O’Connor, Walt Whitman, St. Thomas Acquinas, T.S.Elliott, Teilhard de Chardin and one Karol Wojtyla, He also notes the encouragement of Mons. Claudio Celli, President of the Pontifical Council for Social Communications (PCCS) and Cardinal Gianfranco Ravasi of the Pontifical Council for Culture (PCC).

To develop the project further he opened his blog ‘Cyberteologia’ on January 1st, 2011, then his Leggi tutto “Cybertheology: thinking about Christianity in the era of the Net”

La messa e l’iPad: il dibattito

Cyberteologia. Intervista di Fabio Colagrande per la Radio Vaticana

Cliccare qui per l’intervista AUDIO  (durata: 26 minuti ca.)

“Oggi la grande sfida per la Chiesa non è imparare a usare il web per evangelizzare, ma vivere e pensare bene – anche la fede – al tempo della rete”. E’ il punto di partenza del saggio “Cyberteologia” (Ed. Vita &Pensiero), appena pubblicato da Antonio Spadaro sj, direttore della rivista La Civiltà Cattolica. “Oggi, grazie agli smart-phone e ai tablet, la nostra vita è sempre ‘on-line’ e la rete cambia il nostro modo di pensare e comprendere la realtà. Perciò, mi chiedo, come cambia la ricerca di Dio al tempo dei motori di ricerca? Chi è il mio prossimo all’epoca del web? Sono possibili la liturgia e i sacramenti sulla rete? ”.

Secondo p. Spadaro, sostenitore della spiritualità della tecnologia, “proprio nella rete Cristo chiama l’umanità ad essere più unita e connessa”. E questa concezione dei mezzi di comunicazione appartiene alla tradizione della Chiesa. “Quando nel 1931 Pio XI benedisse, in latino, i macchinari della Radio Vaticana – ricorda Spadaro – sottolineò che comunicare le parole apostoliche ai popoli lontani, attraverso l’etere, era un modo per essere uniti a Dio in un’unica famiglia”. Un’intuizione profonda, per l’epoca, che vedeva nella tecnologia della radio non un modo per trasmettere contenuti, fare propaganda, ma un mezzo per creare relazioni, un’unica grande famiglia di credenti. “Potremmo quasi dire – aggiunge Spadaro – che papa Ratti avesse già compreso pienamente la logica dei social networks”.

L’autore prescinde dalle critiche ai social networks, molto frequenti, non solo nel mondo cattolico. “Si tratta di ambienti, in cui si può vivere bene o male – spiega il direttore de La Civiltà Cattolica – dipende dalla qualità delle persone che li frequentano”. “Al di là di ogni considerazione – conclude – va valutato che su Facebook ci sono più di cinquecento milioni di persone, e quindi, soprattutto la Chiesa, non può non esserci. E’ un dato che fa appello alla nostra moralità”. Di fronte al pregiudizo, duro a morire, di una Chiesa nemica del progresso, Spadaro lancia un’ulteriore provocazione: “proprio noi credenti siamo chiamati a dare al mondo un contributo di lettura teologica del fenomeno della rete, far capire le vere potenzialità di questo ambiente (a cura di Fabio Colagrande).

Cliccare QUI per l’intervista AUDIO  (durata: 26 minuti ca.) e QUI per la pagina della Radio Vaticana relativa all’intervista. 

Luca De Biase su Cyberteologia

di Luca De Biase (nel suo blog al quale rinvio per la lettura integrale)

La specie umana evolve anche sviluppando forme di connessione e coordinamento mutanti. I corpi e i cervelli degli individui si incontrano attraverso mezzi di comunicazione, di trasmissione, di ricezione e riconoscimento sempre più sofisticati. La tecnologia digitale ha accelerato la mutazione delle forme di connessione delle persone. Forse, rispetto a un passato in cui la relazione tra le persone era condizionata da un maggiore coinvolgimento dei loro corpi, la tecnologia digitale abbatte alcune barriere alle connessioni dirette tra i cervelli, tra le immagini dei loro corpi, tra i loro contesti culturali.

I telefonini e i computer sempre connessi alla rete che le persone trovano ovunque si spostino sono parte di questa evoluzione. Non annullano ovviamente il corpo, ma lo estendono, abbattendo alcune barriere fisiche al contatto tra i cervelli. La dimensione culturale che si forma in questo modo non è per le persone soltanto uno strumento, ma anche un ambiente culturale che a sua volta attiva fenomeni evolutivi. Non per nulla ci si interroga su come la rete cambi il nostro modo di pensare (Edge). Emerge, quantomeno, una nuova dimensione antropologica. E Antonio Spadaro ne tira una conseguenza fondamentale, per un gesuita, e affascinante per qualunque essere umano consapevole dell’importanza della ricerca teologica. 

Per Spadaro, se internet influisce sul nostro modo di pensare, se la diffusione delle connessioni digitali modifica i termini dell’intellegenza collettiva, se ha un impatto fortissimo sulla cultura, allora interessa anche chi cerca Dio e si interroga su come gli esseri umani stiano cambiando in rapporto alla loro fede. Il contributo originale e pionieristico di Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica, intellettuale chiamato a contribuire al lavoro di alcune delle più importanti istituzioni della ricerca cattolica e vero e proprio esploratore della dimensione digitale della vita quotidiana, è una paziente e informata riflessione sull’evoluzione del pensiero del cristianesimo al tempo della rete. Ne scrive sulla rivista che dirige, sul suo blog, sui social network e in un libro da non perdere: Cyberteologia.

Il libro parte dalla sua stessa esperienza di visionario a [continua la lettura facendo click qui].

Un tweet storico. Monsignor Celli spiega www.news.va

articolo di Mario Ponzi. Tratto da L’Osservatore Romano del 29 giugno 2011

Dear friends, I have just launched http://www.news.va . Praised be Our Lord Jesus Christ. With my prayers and blessing. Benedictus XVI (“Cari amici, ho appena lanciato http://www.news.va . Sia lodato Nostro Signore Signore Gesù Cristo. Con le mie preghiere e benedizioni. Benedetto XVI”). È il testo del primo tweet in assoluto di un Pontefice. Il tweet è uno di quei brevi messaggi che i frequentatori della rete si scambiano quotidianamente attraverso i social network – twitter in questo caso – nell’era digitale. Nel lanciare martedì pomeriggio, 28 giugno, nei vespri della solennità dei santi Pietro e Paolo, il nuovo portale della Santa Sede news.va

Benedetto XVI ha anche accolto la proposta di rivolgere la sua benedizione al popolo della rete. L’idea è stata dell’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali: “ma devo dire – ci ha confidato – che il Papa ha accettato immediatamente e di buon grado. Del resto, tiene moltissimo alla comunicazione e soprattutto tiene a che la Chiesa sia presente là dove l’uomo vive e si incontra”. Quando ieri, durante la presentazione del nuovo portale nella Sala Stampa della Santa Sede, l’arcivescovo ha dato la notizia che sarebbe stato il Papa personalmente a lanciarlo, è stato anche ricordato quel lontano 12 febbraio 1931, giorno in cui Pio XI, inaugurando la Radio Vaticana, pronunciò in latino dai suoi microfoni il primo radiomessaggio: “Udite o cieli, quello che sto per dire; ascolti la terra le parole della mia bocca. Udite e ascoltate o popoli lontani”. Da allora sono trascorsi più di ottant’anni e di strada ne è stata percorsa tanta, soprattutto in campo tecnologico. Sono cambiati i tempi, ma certamente non è cambiato l’annuncio. Ne abbiamo parlato con l’arcivescovo Celli in questa Leggi tutto “Un tweet storico. Monsignor Celli spiega www.news.va”

Da oggi curo sul mensile “Jesus” una rubrica di Cyberteologia

Aderisci alla pagina Facebook di Cyberteologia!